Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Franceschini scrive a Draghi: “Con il green pass aumentare capienza per gli spettacoli”

draghi franceschini
Il ministro della Cultura chiede al premier e al ministro della Salute Speranza di rivedere le misure di distanziamento per cinema, teatri e sale da concerto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Vi chiedo di valutare la possibilità di regolare l’accesso a cinema, teatri e sale da concerto e la partecipazione a spettacoli dal vivo prevedendo, per gli spettatori, il requisito del possesso di green pass valido e, fermo restando l’obbligo di indossare la mascherina per la durata dell’evento, di considerare altresì la possibilità di rivedere le misure di distanziamento interpersonale, consentendo un più ampio uso delle capienze degli spazi“. Così il ministro della Cultura, Dario Franceschini, in una lettera indirizzata al presidente del Consiglio dei ministri, Mario Draghi, e al ministro della Salute, Roberto Speranza.

Nella missiva viene citato espressamente l’ordine del giorno a prima firma Nitti, approvato oggi dal Governo, che impegna l’esecutivo “a valutare, in relazione all’andamento della situazione epidemiologica, gli effetti applicativi anche al fine di prevedere attraverso successive iniziative normative, con l’adozione del green pass, il superamento dell’attuale contingentamento delle capienze per gli spettacolo sia all’aperto che al chiuso fino al 100% delle capienze“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»