Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

VIDEO | De Magistris e ‘La Calabria del riscatto’: “Regione ha bisogno di uno shock politico”

luigi de magistris
"Noi siamo quelli contro il sistema ma affidabili nel governo istituzionale", sostiene il candidato del polo civico alla presidenza della Regione Calabria nel corso di un incontro con la stampa
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

LAMEZIA TERME – “La Calabria ha bisogno di uno shock politico, con persone capaci di governare. Siamo idealisti ma realisti. Non siamo un luogo, come vorrebbero farci passare, dove si può mescolare ciò non che non è mescolabile. Siamo per le storie credibili, non per pacchetti di voti”. Sono i punti chiave dell’incontro con la stampa organizzato oggi a Lamezia Terme (Catanzaro) da Luigi de Magistris, a capo di una coalizione civica, che punta diventare il prossimo governatore della Calabria. Il titolo scelto per l’incontro è stato La Calabria del riscatto.

“NOI CONTRO SISTEMA MA AFFIDABILI NEL GOVERNO”

“Siamo nella volata finale per la predisposizione delle liste. Una squadra di persone credibili, coerenti, dalle mani pulite, libere, competenti, coraggiose e autonome per il riscatto della Calabria. Dal ricatto al riscatto”. Così il candidato alla presidenza della Regione Calabria, Luigi de Magistris, parla dei nomi che presto saranno indicati nelle “sue” liste a supporto del movimento civico e popolare che lo supporta in questa nuova avventura elettorale. Occasione l’incontro con la stampa a Lamezia Terme (Cz) dal titolo “La Calabria del riscatto”. Questa terra, ha ribadito l’ex pm, “ha bisogno di diritti e di una qualità della vita migliore. In questi giorni – denuncia – manca tutto. Manca l’acqua, non raccolgono dovunque i rifiuti, la Sanità è piegata, una regione devastata dagli incendi”. È “l’assenza totale della politica regionale calabrese”. “Noi – prosegue de Magistris – siamo quelli credibili, quelli che hanno dimostrato, nella loro vita, di essere contro il sistema ma affidabili nel governo istituzionale. Siamo persone rassicuranti che parlano a tutte le calabresi e a tutti i calabresi. Non deluderemo e non tradiremo questa terra”.

“SULLE LISTE FAREMO VALUTAZIONI PERSONA PER PERSONA”

“Le regionali – ha aggiunto – sono la mia quarta campagna elettorale, ed è quella più difficile per via della legge elettorale, ma ci crediamo e ci stiamo mettendo il massimo impegno, grazie al sostegno di molti cittadini, associazioni, anche partiti che guardano a noi con interesse. Non so quante liste faremo, ma al momento abbiamo candidati forti con grande personalità e professionalità con storie incredibili. Certamente non siamo un polo civico improvvisato. Sulle liste faremo valutazioni persona per persona. Domenica contiamo di completarle e presentare al popolo calabrese e a chi vorrà controllarle. Certamente siamo per la rottura del sistema puntando ad un codice etico chiaro. Vale per tutti, dal Pd, al M5s ad Oliverio. Siamo chiaramente un polo civico. Ci rivolgiamo a tutti i delusi da questa terra, al 50 per cento di chi non è andato a votare, ai quegli elettori del Pd stufi dalle gerarchie che reggono da quarant’anni, ai sostenitori del M5s, ma anche agli elettori del centrodestra. Occorrono competenze per fare uscire la Calabria dalle numerose emergenze e mandare a casa questo centrodestra – ha precisato – pensiamo alla sanità, all’acqua pubblica, le emergenze incendi, la situazione drammatica delle infrastrutture”.

LA SCELTA DI BRUNI AIUTA CENTRODESTRA

Nel confronto all’interno del centrosinistra e con gli altri candidati presidente de Magistris ha detto: “Il mio commento su Amalia Bruni che si è presentata alla prima uscita pubblica con al proprio fianco Enrico Letta ed Enza Bruno Bossio lo associo alla famosa frase di Totò e Peppino: ho detto tutto. Di cosa dobbiamo parlare. La sua scelta è proprio per dare una mano al centrodestra e colpire noi. Hanno fatto il call center per la scelta del candidato, prima Irto con la sua storia che può piacere o no, poi Ciconte, Ventura e poi tanti altri”.

RISPETTO PER SANTELLI, SPIRLÌ NON È NESSUNO

Sul fronte del centrodestra, attualmente alla guida della Regione Calabria, de Magistris ha dichiarato: “Ho sempre rispettato Jole Santelli in quanto rappresentante istituzionale eletta del popolo, anche come avversaria politica. Ma Spirlì non è nessuno, dovrebbe fare solo atti di ordinaria amministrazione, si dovrebbe occupare di come prevenire gli incendi, ma invece si concentra su come assumere portaborse. La responsabilità più grave del centrodestra è quella di non aver fatto nulla almeno per garantire di diritti primari nel momento della pandemia. Non è riuscito ad invertire la tendenza pur avendo a disposizione un fiume di denaro”.

Sui punti chiave per lo sviluppo della Regione il tema del Pnrr è stato più volte citato: “È una grande opportunità per il nostro Paese – ha detto de Magistris – per fare opere che da molto tempo non si realizzano, garantire infrastrutture, servizi e diritti. Vi invito ad andare a vedere cosa ha proposto Spirlì sul tema dell’acqua, l’ambiente per capire il fallimento totale. Ad ottobre non solo andremo a governare la Regione al momento più in difficoltà d’Italia, ma dovremo, usando una metafora calcistica, iniziare un campionato con trenta punti di penalizzazione”.

“IL PNRR DI SPIRLÌ SARÀ UN FALLIMENTO”

“Il Pnrr – sostiene il sindaco di Napoli – è una occasione importante per il nostro Paese, per fare opere che da molto tempo non si realizzano, garantire infrastrutture, servizi e diritti. Vi invito ad andare a vedere cosa ha proposto Spirlì sul tema dell’acqua e l’ambiente per capire il fallimento totale. Ad ottobre non solo andremo a governare la Regione al momento più in difficoltà d’Italia, ma dovremo, usando una metafora calcistica, iniziare un campionato con trenta punti di penalizzazione”. E aggiunge: “Sul tema dell’emergenza rifiuti in tutta la Calabria Spirlì non propone raccolta differenziata, compostaggi, nuovi impianti di trattamento delle frazioni, ma bensì le discariche, con un’umiliazione in particolare per la provincia di Crotone, con una ordinanza di protezione civile che vanifica gli sforzi per cercare di bonificare tutto il territorio”. “Stessa situazione a Reggio Calabria con il sindaco e la Regione che non riescono a fare di meglio che pensare alla discarica di Melicuccà. Ci chiediamo – ha concluso de Magistris – se queste sono le opportunità da sfruttare per il Pnrr”. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»