VIDEO | In Mozambico un resort deserto diventa il paradiso di un ippopotamo

È molto raro che un animale che abita di solito laghi e fiumi, decida di nuotare nelle acque salate del mare. Il mammifero deve aver fatto un lungo viaggio per giungere fino al resort
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – In Mozambico, le spiagge di un resort turistico sull’Oceano Indiano rese deserte dalle restrizioni imposte per combattere il Covid-19 hanno accolto per una volta un visitatore inusuale: un esemplare di ippopotamo e’ stato infatti visto nuotare tra le acque cristalline, approfittando della liberta’ concessagli dallo stop al turismo. La scena e’ stata immortalata in un video che ha riscosso un successo sui social media, oltre ad attirare l’attenzione degli esperti. 

E’ molto raro che un ippopotamo, animale che abita di solito laghi e fiumi, decida di nuotare nelle acque salate del mare. Secondo quanto ricostruito dagli zoologi, il mammifero deve aver fatto un lungo viaggio per giungere fino al resort, attraversando anche una frontiera: la provenienza piu’ probabile dell’animale sono infatti i laghi di Kosi Bay, nella provincia sudafricana del KwaZulu-Natal. 

Il filmato e’ piaciuto anche all’ufficio del turismo della zona, Ponta do Ouro, che ha deciso di rilanciarlo con un simpatico commento: “Ecco un visitatore a sopresa dal Sudafrica a Ponto do Ouro, mentre viola il divieto sugli spostamenti“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»