Aldo Moro e Peppino Impastato, 40 anni fa la morte di entrambi

Le vite di Moro e di Impastato si fermarono lo stesso giorno, il 9 maggio 1978
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Moro e Impastato, due vite accomunate dalla lotta alla criminalità organizzata, che hanno trovato la morte nello stesso giorno di quaranta anni fa. Il 9 maggio 1978, il presidente della Democrazia cristiana Aldo Moro venne ucciso dalle Brigate Rosse (gruppo terroristico operante in Italia in quelli che sono passati alla storia come gli anni di piombo). Il cadavere fu lasciato nella “prigione metallica” di una macchina, una Renault 4 rossa parcheggiata in Via Caetani a Roma, dove venne ritrovato il corpo, quel giorno, dopo la segnalazione del brigatista Mario Moretti.

Sempre il 9 maggio 1978, moriva anche Giuseppe Impastato, detto Peppino, di cui la criminalità organizzata aveva deciso di liberarsi: il giornalista e attivista siciliano fu ucciso nella notte tra l’8 e il 9 maggio del ’78. Il suo cadavere fu imbottito di tritolo e fatto saltare sui binari della linea ferroviaria Palermo-Trapani, così la sua morte potè sembrare un gesto suicida. La matrice mafiosa dell’attentato emerse grazie alla madre di Peppino, la signora Felicia, ed al fratello del giornalista.

LEGGI ANCHE:

Peppino Impastato, a 40 anni dalla morte parlano il fratello e gli amici

40 anni fa l’uccisione di Peppino Impastato, tutti gli appuntamenti per ricordarlo

LOTTI: “UOMINI LIBERI E GIUSTI”

“Aldo Moro e Peppino Impastato, due uomini liberi e giusti. La loro vita resta un esempio per tutti noi, la loro scomparsa una ferita ancora aperta”. Lo scrive Luca Lotti, su twitter.

Aldo Moro e Peppino Impastato, due uomini liberi e giusti. La loro vita resta un esempio per tutti noi, la loro scomparsa una ferita ancora aperta. pic.twitter.com/UMpclBa8gG

— Luca Lotti (@LottiLuca) 9 maggio 2018

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»