A Reggio Calabria stop al conferimento di umido e indifferenziato

Lo ha reso noto il vicesindaco con delega all'ambiente e ai rifiuti Armando Neri alla presentazione del piano contro l'abbandono dei rifiuti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – “In questo momento non c’è la possibilità di poter conferire le quote di umido e di indifferenziato negli impianti privati regionali”. Così il vicesindaco di Reggio Calabria Armando Neri, con delega all’ambiente e ai rifiuti, nel corso della presentazione del piano straordinario di controllo contro l’abbandono dei rifiuti sul territorio comunale.

“Abbiamo un problema legato al ritiro della delega da parte della Regione Calabria – ha aggiunto Neri – che non ci fa rientrare nella deroga al debito (80%) concessa all’Ato metropolitano per il conferimento. E’ ancora troppo bassa la percentuale generale versata dai 97 Comuni dell’area metropolitana, attestata al 60% circa. Superando questa quota potremmo nuovamente conferire. Il problema c’è per i rifiuti umidi e indifferenziato, non per carta, plastica e vetro”.

Neri ha chiarito poi che la difficoltà nel ritiro dei rifiuti non è legata solo allo sciopero dei lavoratori di Avr, “ma anche al dato della quota d’area dell’Ato metropolitano. Su questo stiamo lavorando per risolvere il problema. Purtroppo – ha concluso – il conferimento non si può fare per singolo Comune, noi ad esempio ci stiamo rimettendo il linea”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»