Sinodo sull’Amazzonia, Papa Francesco: “Accostarsi agli indigeni in punta di piedi”

E Francesco rimprovera chi fa commenti ironici: "Che differenza c’è tra le piume sulla testa e i copricapi che usano gli officiali dei nostri dicasteri?”
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Ieri Papa Francesco ha aperto la prima Congregazione generale del Sinodo per l’Amazzonia, in Vaticano, con un discorso pronunciato a braccio, in spagnolo, e durato circa venti minuti.

“Dobbiamo accostarci ai popoli amazzonici in punta di piedi, rispettandola loro storia, la loro cultura, il loro stile del ‘buen vivir’ nel senso etimologico della parola, e non nel significato sociale”, ha detto Francesco.

“Ogni popolo ha un’identità propria, una coscienza di sé da cui viene un sentire, un modo di vedere la verità, una storia, un’ermeneutica”, ha sottolineato Francesco, mettendo in guardia ancora una volta dalla “colonizzazione ideologica, tanto comune”, che “distrugge la storia di un popolo”. Il Papa ha chiesto di cominciare il Sinodo non con “programmi confezionati”, per “disciplinare, addomesticare” il popolo amazzonico: “il centralismo omogeneizzante e omogeneizzatore distrugge l’autenticità della cultura di un popolo”. “Le ideologie sono riduttive”, il monito di Francesco, che ha stigmatizzato “la pretesa di comprendere intellettualmente, ma senza ammirare” e quella a “ridurre la realtà in categorie”, coniando “ismi” in nome di una presunta “civilizzazione che serve ad annientare i popoli”. Il Santo Padre ha cominciato il suo discorso con qualche parola in italiano, ringraziando tutti per il “lavoro preparatorio” al Sinodo, “da Puerto Maldonado fino ad oggi”. Poi ha cominciato subito a parlare in spagnolo, spiegando che “il Sinodo per l’Amazzonia ha quattro dimensioni: pastorale, culturale, sociale, ecologica. La prima è l’essenziale, abbraccia tutto”. “Non esiste un’ermeneutica asettica”, ha spiegato Francesco esortando i 184 padri sinodali a vivere “la realtà amazzonica con occhi di discepoli e missionari. Senza lo Spirito Santo non c’è annuncio di Gesù Cristo, che non va confuso con il proselitismo”.

IL PAPA RIMPROVERA I COMMENTI SUI COPRICAPI INDIGENI

“Mi ha fatto tristezza ascoltare qui dentro un commento burlone su queste persone che girano con le piume in testa”, ha rivelato il Papa: “Che differenza c’è tra le piume sulla testa e i copricapi che usano gli officiali dei nostri dicasteri?”, l’obiezione di Francesco, secondo il quale “corriamo il rischio di approcci semplicemente pragmatici, quando al contrario serve contemplazione dei popoli, capacità di ammirazione dei popoli”. “Deforestazione, uniformizzazione e spogliazione: è un programma che non rispetta la poesia dei popoli, la realtà dei popoli, che è sovrana”, la tesi del Papa: “Andiamo a contemplare, a comprendere e a servire i popoli, e lo facciamo percorrendo un cammino sinodale, non una conferenza”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

8 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»