Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Salvini posta video anti-Riace con prestanome ‘ndrangheta, è polemica

Il Pd punta il dito contro il video in cui parla Pietro Zucco postato sabato dal ministro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

“Il ministro dell’Interno posta l’intervista di un prestanome della ‘Ndrangheta a sostegno delle sue tesi. Vergogna. Se ha il senso del ruolo che ricopre la tolga e si scusi“. Lo scrive su twitter Maurizio Martina, segretario del Pd.

FRATOIANNI: SALVINI E VIDEO UOMO ‘NDRANGHETA, CONTE CHE DICE?

“Pur di screditare Mimmo Lucano e l’esperienza di Riace, il ministro dell’Interno (o chi per lui) non ha esitato un attimo nel rilanciare sui social un video di un prestanome della ‘ndrangheta. In un Paese normale il ministro dell’Interno quando fa una cosa del genere, dopo 5 minuti toglie il disturbo”. Lo afferma il segretario nazionale di Sinistra Italiana, Nicola Fratoianni di Liberi e Uguali, che conclude: “Il presidente del Consiglio dei ministri Conte e il vicepremier del M5S Di Maio non hanno nulla da dire in proposito?”

MORANI: “SALVINI SAPEVA RILANCIARE VIDEO PRESTANOME BOSS?”

“Il ministro degli Interni per screditare Mimmo Lucano si avvale della ‘testimonianza’ di un arrestato tal Zucco che secondo la Direzione distrettuale antimafia sarebbe il prestanome di un boss della ‘Ndrangheta. Salvini sapeva?”. Lo scrive su Twitter Alessia Morani, della presidenza del gruppo Pd alla Camera, a proposito di un’intervista all’ex vice-sindaco di Riace, Pietro Zucco, rilanciata sabato scorso dal ministro dell’Interno sul suo profilo Facebook.

Leggi anche:

Il modello Riace, dopo l’arresto del sindaco il film gratis su Vimeo: “Guardatelo”

Parla l’amico medico del sindaco di Riace: “Scempio di umanità”

Il video postato da Salvini su Facebook:

Ti potrebbe interessare anche:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»