Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Nuovo picco di contagi a Tokyo, niente pubblico ai Giochi Olimpici

Tokyo
Il Governo giapponese ha istituito un altro stato di emergenza fino al 22 agosto per timore che le Olimpiadi possano scatenare una nuova ondata
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Le gare dei Giochi Olimpici programmate a Tokyo si terranno senza spettatori a causa del picco di contagi da Covid-19. L’ufficialità dopo le indiscrezioni delle ultime ore è arrivata dal ministro per i Giochi, Tamayo Marukawa, che ha comunicato la decisione degli organizzatori a 15 giorni dall’apertura dell’Olimpiade.

L’annuncio segue la comunicazione da parte del Governo giapponese di istituire a Tokyo un altro stato di emergenza fino al 22 agosto, per il timore che i Giochi possano innescare un’ulteriore ondata di contagi. Alla riunione che si è tenuta oggi hanno partecipato il presidente del Comitato olimpico internazionale, Thomas Bach, arrivato oggi a Tokyo, e i rappresentanti degli altri quattro organi coinvolti: il Comitato organizzatore, il Comitato paralimpico internazionale, il Governo centrale e quello metropolitano di Tokyo.

Oltre che nella capitale Tokyo, l’Olimpiade si terrà a porte chiuse anche nelle sedi delle tre prefetture limitrofe di Chiba, Kanagawa e Saitama, ha spiegato ancora Marukawa in conferenza stampa.

LEGGI ANCHE: Tokyo torna a tremare: contagi da Covid in costante risalita

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»