L’Ue risponde a Biden: stop al blocco dell’export e no alla liberalizzazione dei vaccini

ursula von der leyen_imagoeconomica
Von der Leyen e Macron contrari alla liberalizzazione dei brevetti chiedono a Usa e Regno Unito di aprire alle esportazioni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

PORTO – “L’Ue è la farmacia del mondo ed è aperta per il mondo”. Così la presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, in conferenza stampa dopo il consiglio europeo informale di Porto. Von Der Leyen ha ribadito ai giornalisti che “il 50% delle dosi finora prodotte in Ue sono state esportate in 90 Paesi del mondo. Invitiamo gli altri a fare lo stesso. Questo è il modo migliore per estendere la diffusione dei vaccini adesso”.

LEGGI ANCHE: Vaccino, Draghi: “Biden ha aperto la porta, ma prima dei brevetti rimuovere blocco export”

MACRON: USA TOLGANO RESTRIZIONI ALLE ESPORTAZIONI

“Gli Usa tolgano le restrizioni alle esportazioni dei vaccini e delle componenti”. Così il presidente francese Emmanuel Macron in conferenza stampa al termine del consiglio informale di Porto. Macron è tornato a chiedere che si faccia leva su una maggiore produzione di vaccini per consentirne una distribuzione più equa. Secondaria a suo dire è la questione dei brevetti. L’Unione europea “sui 400 milioni di vaccini prodotti dall’inizio della crisi ne ha esportati 200 milioni” e “non abbiamo proceduto” come altri Paesi, come gli Usa, che “hanno esportato solo il 5%” dei vaccini in Paesi vicini come Canada e Messico”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»