In Calabria al via portale per promuovere gli agriturismi locali

"La fase di rilancio del comparto agroalimentare calabrese non può prescindere dal ruolo strategico degli agriturismi" dichiara l'assessore all'Agricoltura della Regione Calabria
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

REGGIO CALABRIA – “La fase di rilancio del comparto agroalimentare calabrese non puo’ prescindere dal ruolo strategico degli agriturismi, che coniugano perfettamente l’offerta enogastronomica con l’accoglienza turistica”. Cosi’ l’assessore all’Agricoltura della Regione Calabria Gianluca Gallo in una lettera inviata agli imprenditori del settore.
“Insieme al presidente Santelli – afferma l’assessore – abbiamo ideato un progetto teso a promuovere gli agriturismi calabresi e a dare risalto alla loro impronta identitaria.
Riteniamo che, a maggior ragione dopo questo lungo periodo di isolamento forzato, essi possano rappresentare un’ottima scelta per i turisti che hanno bisogno di rigenerarsi e di coccolarsi”.
“Anche con questa finalita’, quindi, realizzeremo sul portale istituzionale della Regione una specifica sezione finalizzata ad accrescere la visibilita’ delle aziende agrituristiche calabresi, ad ampliare il proprio bacino di offerta e ad orientare al meglio la clientela. Tutto questo – conclude Gallo – in base al connubio indissolubile tra offerta enogastronomica ed accoglienza turistica”. Le strutture agrituristiche riceveranno in questi giorni una mail con lettera di presentazione dell’iniziativa e potranno manifestare il proprio interesse, inviando una scheda personalizzata corredata da cinque fotografie tematiche, entro e non oltre il 30 giugno 2020 all’indirizzo di posta elettronica [email protected]

LEGGI ANCHE: In Calabria stanziato un milione di euro per il settore vitinicolo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

8 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»