In Calabria stanziato un milione di euro per il settore vitinicolo

"Una boccata d'aria per i nostri produttori" ha dichiarato l'assessore all'Agricoltura della Regione Calabria Gianluca Gallo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – “Con lo sblocco di oltre un milione di euro la Regione garantisce una boccata d’ossigeno al settore vitinicolo”. Così l’assessore all’Agricoltura della Regione Calabria Gianluca Gallo, garantendo l’impegno assunto nei giorni scorsi con i produttori regionali, allarmati dall’emergenza sanitaria.

“Stiamo accelerando anche l’iter delle procedure di liquidazione” ha aggiunto Gallo. Sul portale istituzionale www.regione.calabria.it, è stata pubblicata la graduatoria definitiva della misura relativa agli investimenti dell’Ocm vino, annualità 2019/2020. Dal lavoro di istruttoria effettuato dal dipartimento Agricoltura sono risultate essere ammissibili 37 domande, per un importo totale di 1.154.143,93 euro. Le aziende in graduatoria potranno usufruire dell’opportunità offerta dal decreto ministeriale dello scorso 31 marzo, per variare i tempi di realizzazione del progetto, trasformando lo stesso da annuale in biennale. Tra l’altro le aziende avranno anche la possibilità di chiedere l’anticipazione, previo rilascio di una garanzia fideiussoria, secondo le istruzioni operative trasmesse da Agea.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, in Calabria stato di crisi anche nel settore vitinicolo

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»