Dubbi sulla differenziata? Alia lancia Junker, app che indica i bidoni giusti

junker app rifiuti
L'applicazione, a disposizione degli utenti di Firenze, Prato e Pistoia, riconosce con un solo click i rifiuti da gettare e fornisce le informazioni corrette sul conferimento secondo la normativa vigente sul territorio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FIRENZE – Ok l’umido. E anche plastica, carta o vetro. Però ci sono i contenitori (confezioni del caffè o le bottiglie in pvc, ad esempio), i multimateriali, i rifiuti generici. Insomma, non sempre differenziare i rifiuti è un’operazione intuitiva. E per sciogliere eventuali dubbi arriva Junker, app consultabile in 10 lingue che Alia mette a disposizione degli utenti di Firenze, Prato e Pistoia. L’applicazione, infatti, “riconosce con un solo click i rifiuti da gettare e fornisce le informazioni corrette sul conferimento secondo la normativa vigente sul territorio”, si spiega dalla partecipata che nelle tre province gestisce il ciclo dei rifiuti. Lo fa scansionando il codice a barre del prodotto o dell’imballaggio; Junker lo riconosce grazie ad un database interno di oltre 1 milione e mezzo di prodotti e indica i bidoni a cui sono destinati. Il database degli oggetti, quindi, viene aggiornato quotidianamente: se il prodotto scansionato non è riconosciuto, l’utente può trasmettere la foto del prodotto e ricevere la risposta in tempo reale, mentre la referenza viene aggiunta a quelle esistenti.

Su Junker, inoltre, gli utenti possono trovare informazioni sul sistema di raccolta, la localizzazione delle postazioni stradali (interrate comprese), delle campane del vetro, dei punti di conferimento delle apparecchiature elettriche ed elettroniche. Ma sono consultabili anche i calendari del porta a porta con possibilità di impostare le relative notifiche, oppure le indicazioni per ritiro degli ingombranti e rifiuti speciali, così come notizie sulla pulizia strade e i relativi alert. Si tratta, commenta l’assessore all’Ambiente Cecilia Del Re, di una app “che ti permette di capire dove gettare il rifiuto in caso di dubbio, e che ti ricorda orari e postazioni della raccolta differenziata nel tuo comune. Fare la differenziata non è più una scelta, ma un obbligo: assistere il cittadino perché possa farla correttamente è un modo per raggiungere quegli obiettivi che l’Europa ci chiede per arrivare al 60% di riciclaggio e a un conferimento in discarica inferiore al 10% entro il 2030″.

LEGGI ANCHE: Firenze, Nardella: “La situazione peggiora e prevedo ulteriori restrizioni”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»