Coronavirus, altri 604 morti. Nuovi positivi in calo, diminuisce la pressione sugli ospedali

Il totale dei morti arriva a 17.127. Soli 880 pazienti in più rispetto a ieri, il dato più basso dal 10 marzo
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Sono 3.039 i nuovi positivi al coronavirus. Il totale dei pazienti positivi è di 94.067, soli 880 pazienti in più rispetto a ieri, l’incremento più basso dal 10 marzo. Diminuisce anche la pressione sulle strutture ospedaliere: nella giornata di oggi, infatti, si registra un decremento di 106 pazienti in terapia intensiva e di 258 ricoverati nei reparti. Il 65% dei malati è in isolamento domiciliare. I nuovi deceduti, invece, sono 604, per un totale di 17.127 vittime. Il totale dei guariti arriva invece a 24.392, 1.555 in più di ieri, il secondo valore più alto in assoluto dall’inizio dell’epidemia. Questi i dati diffusi dalla Protezione civile durante la quotidiana conferenza stampa sulla diffusione del cooronavirus in Italia.

“Finalmente sembra che si inizia a vedere una diminuzione di crescita dei nuovi casi. Ma anche se arriviamo a zero non sara’ ‘tana libera tutti’, bisognera’ ingaggiare una dura lotta. Dobbiamo essere cauti, questo virus restera’ nella popolazione. Non arriveremo a zero tra due settimane”. Lo dice Giovanni Rezza, direttore del dipartimento malattie infettive dell’Iss, in conferenza sul coronavirus.

“I test sierologici- prosegue Rezza- possono dare utili indicazioni ma i risultati vanno presi con una certa cautela. Non servono a fare diagnosi, la diagnosi si fa con il tampone. Il test sierologico serve a capire chi ha gli anticorpi, laddove sono stati valutati non sono stati del tutto soddisfacenti. La sensibilita’ non era al 100% e si sta valutando. Anche quello dell’istituto S.Matteo di Pavia si sta valutando”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

7 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»