Coronavirus, Zampa: “Stretta sui controlli, possibilità di mettere in campo l’esercito”

sandra zampa
"Si rischiano sanzioni da 400 a 3 mila euro“
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Le sanzioni sono pesanti ma non più di prima. Adesso ci sarà una grande stretta nei controlli. Un paese che mette delle regole deve avere dei controlli. C’è anche la possibilità di mettere in campo l’esercito e si rischiano sanzioni da 400 a 3 mila euro“, dichiara Sandra Zampa, sottosegretaria alla Salute (Pd) poco fa a Rai Radio1 all’interno di Radio anch’io condotto da Giorgio Zanchini.

ZAMPA: “MASCHERINA SEMPRE SE CI SONO DELLE  PERSONE VICINE”

“Le mascherine non sono previste quando si è lontano dagli altri, per esempio se si va in campagna, in giardino, nel proprio orto, a camminare nei boschi, in spazi desolati, se sì è in bici, in moto e in auto da soli o con i propri congiunti. Se invece si è in luoghi chiusi, in palestra, in auto con gli amici, per strada con persone vicine e all’aperto insieme ad altre persone, allora le mascherine vanno indossate. Serve un comportamento uniforme in tutto il paese e un messaggio semplice. Non siamo diventati pazzi. La mascherina va indossata sempre dove ci sono altre persone vicine”.

ZAMPA: “NON È VERO CHE NON CI SONO I VACCINI ANTINFLUENZALI”

Non è vero che non ci sono i vaccini antinfluenzali, ne sono stati comprati circa 18 milioni. Abbiamo abbassato la fascia della fragilità e quindi sarà gratis dai 60 anni in poi. L’idea che scarseggino in farmacia ha spaventato ma siamo solo all’inizio, i vaccini ci sono e si troveranno. L’uso della mascherina abbasserà molto i numeri dell’influenza”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»