Vaccino, D’Amato: “Dall’11 maggio nel Lazio via alla seconda dose per insegnanti”

vaccino covid
L'assessore alla Sanità della Regione Lazio frena sul raddoppio dell'intervallo tra prima e seconda dose di Pfizer e Moderna raccomandato dal Cts: "Si rischia un riflesso negativo a causa delle vacanze"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

“L’11 maggio partiranno le somministrazioni delle seconde dosi per gli insegnanti. Avranno lo stesso vaccino ricevuto alla prima dose”. Lo ha detto l’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato, intervenendo a SkyTg24. L’assessore ha anche commentato la nuova circolare del ministero della Salute che, su indicazione del Cts, raccomanda la somministrazione delle seconde dosi di Pfizer e Moderna dopo 42 giorni anziché dopo i 21 stabiliti finora. “Sull’intervallo di 42 giorni tra la prima e la seconda dose di vaccini sarei cauto – ha spiegato D’Amato – Nel Lazio confermiamo la seconda dose per chi ha già la prenotazione, dopodiché temo un riflesso negativo sulla campagna perché chi riceverà la prima dose a giugno dovrebbe poi farsi la seconda dose ad agosto, quando di mezzo ci sono le vacanze. Quindi per il momento noi manteniamo i 21 giorni. Poi riadatteremo il sistema informatico, ma resto prudente. Hanno ragione i malati oncologici che chiedono di confermare l’intervallo a 21 giorni – ha aggiunto D’Amato – Ci sono evidenze scientifiche su questo e quindi la loro è una richiesta ragionevole”.

LEGGI ANCHE: Covid, Bianchi: “Ripartono le vaccinazioni per il personale scolastico”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»