Albania, un ponte dall’Italia con gli imprenditori della diaspora

Albania
Il programma "Connect Albania" è cofinanziato dal ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale dell'Italia in partenariato con il governo di Tirana e implementato dall'Organizzazione internazionale delle migrazioni (Oim)
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

di Brando Ricci

ROMA – Ponte tra “mondi e psicologie” diverse; fonte di impulsi verso l’innovazione e la crescita; patrimonio di successi e formazione che può essere d’ispirazione: sono alcune delle potenzialità della diaspora albanese in Italia, protagonista del meccanismo ‘Connect Albania’. Il programma, cofinanziato dal ministero degli Affari esteri e della cooperazione internazionale dell’Italia in partenariato con il governo di Tirana e implementato dall’Organizzazione internazionale delle migrazioni (Oim), è stato oggi al centro di un webinar.

L’iniziativa si colloca all’interno del programma ‘Coinvolgimento della diaspora albanese nello sviluppo sociale ed economico dell’Albania’ e vede la partecipazione dell’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo (Aics). Il meccanismo mira a incentivare gli esponenti della diaspora albanese a impegnarsi come agenti di sviluppo per attrarre e accompagnare gli investimenti nel Paese. Gli agenti fungeranno da intermediari e coinvolgeranno imprenditori e investitori italiani e albanesi residenti nel nostro Paese in attività imprenditoriali sull’altra sponda dell’Adriatico.

connect albania

Secondo il ministro di Stato per la Diaspora albanese, Pandeli Majko, che ha definito l’Italia il “Paese più amico dell’Albania”, l’esperienza con la diaspora che vive nel nostro Paese farà da “modello” anche per successive collaborazioni con altri donatori. Majko, in questo senso, ha reso noto che il suo ministero sta negoziando con il dicastero delle Finanze di Tirana “l’istituzione di un centro permanente per lo sviluppo dei programmi dedicati a valorizzare il ruolo della diaspora”.

La sostenibilità è stata invece l’elemento centrale dell’intervento di Alberto Petrangeli, primo consigliere dell’ambasciata italiana a Tirana. Il diplomatico ha ricordato che ‘Connect Albania’ “vuole dare un ulteriore impulso a qualcosa che già sta avvenendo: 34.000 aziende in Italia sono infatti di proprietà di albanesi o italo-albanesi”. Una buona ragione per credere, secondo Petrangeli, che “questo progetto è pienamente sostenibile da solo e potrà proseguire anche una volta terminate le collaborazioni”.

Una tendenza, quella che vede le diaspore al centro dello sviluppo, bisognosa di un nuovo approccio a livello istituzionale. Ne è convinto il viceministro dell’Economia Besart Kadia, che ha chiesto di “impiegare la diaspora per ampliare i nostri contatti a livello mondiale”. Il ruolo dei migranti albanesi che vivono all’estero, secondo Kadia, sarà “uno dei nodi centrali del piano economico settennale” che sta preparando il governo.

Il ministro di Stato per gli Imprenditori, Eduard Shalsi, ha invece sottolineato l’impulso verso l’innovazione che possono dare gli albanesi che vivono all’estero. “Sono stati anche due giovani esponenti della nostra diaspora, che provenivano rispettivamente da Germania e Francia, a farmi riflettere, nel corso di un incontro avuto tempo fa, sull’assenza di un quadro normativo per le startup” ha ricordato il ministro, annunciando: “Abbiamo preparato un disegno di legge ad hoc, che è in procinto di essere approvato dal Parlamento”.

Daniele Frigeri, direttore del Centro studi di politica internazionale (Cespi), ha invece riferito della panoramica sulla diaspora albanese in Italia emersa dalle ricerche, condotto anche con la collaborazione di Aics nella fase di preparazione del progetto. A venir fuori è un interesse diffuso verso il ritorno attivo nella madrepatria, se è vero che quasi un migrante albanese in Italia su otto, circa il 13 per cento, ha già provato a sondare la possibilità di avviare un’attività in Albania.

LEGGI ANCHE: Cooperazione, Staderini (Msf): “Leggi antiterrorismo legano le mani”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»