hamburger menu

Cosa fare in caso di valanga: le video pillole del Cai

Tra i diversi argomenti la pianificazione con focus sulla preparazione e sui bollettini, la partenza, durante l'attività in territorio innevato, l'uso dell'Artva, in caso di valanga, la fase del sondaggio e lo scavo

Pubblicato:04-12-2023 17:54
Ultimo aggiornamento:04-12-2023 17:54
Canale: Ambiente
Autore:
CLUB alpino italiano cai
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

BOLOGNA – Autosoccorso in caso di valanga, significa mettere in campo tutti quei comportamenti che permettono di ridurre il rischio e aumentare le possibilità di successo delle operazioni di primo soccorso. Con l’inverno alle porte e la neve ad alta quota, il team di esperti della Commissione nazionale Scuole di alpinismo scialpinismo e arrampicata libera del Cai coordinato dalla Scuola centrale di scialpinismo (sempre del Cai) ha realizzato sette videopillole per condividere con frequentatori e frequentatrici della montagna una serie di buone pratiche che vanno dalla pianificazione prima della partenza all’utilizzo delle strumentazioni. Un vademecum disponibile sul canale YouTube del Cai.

Nello specifico, i diversi argomenti sono la pianificazione con focus sulla preparazione e sui bollettini, la partenza, durante l’attività in territorio innevato, l’uso dell’Artva, in caso di valanga, la fase del sondaggio e lo scavo.

Si comincia con la pianificazione dell’escursione sulla neve riducendo i rischi con una valutazione attenta per quanto riguarda la preparazione, le capacità dei partecipanti e l’equipaggiamento, senza dimenticare uno sguardo ai bollettini meteo e valanghe. In particolare, è fondamentale indossare l’Artva e riporre pala e sonda nello zaino in modo che siano facilmente estraibili. Con la partenza, si valutano le condizioni meteorologiche, nivologiche e quelle degli escursionisti. Il controllo accurato dell’equipaggiamento è essenziale. Durante l’escursione in montagna poi, è necessario monitorare il meteo e l’ambiente circostante, cercando segnali di pericolo.

In caso di incidente da valanga, occorre calma e concentrazione. In particolare, è necessario padroneggiare l’uso dell’Arva e della sonda per localizzare le eventuali persone sepolte. L’efficienza durante la fase di autosoccorso aumenta le probabilità di successo. In particolare, la ricerca del “primo segnale” coinvolge l’uso di vista e udito per individuare indizi cruciali sulla superficie della valanga. Per quanto riguarda il recupero di una persona, l’obiettivo è quello di liberare rapidamente con la pala, la persona disseppellita dalla neve, consentendo il passaggio dell’aria alle vie respiratorie.

“I video nascono come utile indicazione di buone pratiche, ma non sostituiscono la preparazione e lo studio: conoscenza, competenza ed esperienza (allenamento) sono elementi necessari e fondamentali”, sottolinea il Cai.

LE VIDEO PILLOLE DEL CAI: VADEMECUM IN CASO DI VALANGA

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2023-12-04T17:54:51+01:00