Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Divisa e dominata dalla paura: questa l’Italia del covid secondo il Censis

Gli Italiani non fanno più figli, sono d'accordo con le restrizioni del Governo anti-coronavirus ed è aumentato il divario tra ricchi e poveri
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un Paese dove aumenta il divario tra poveri e ricchi, dove non si fanno più figli, dove la didattica a distanza ha aumentato il gap tra studenti e dove l’ansia e la paura sono i sentimenti predominanti. È il quadro che emerge dal rapporto Censis 2020 pubblicato oggi.

Secondo l’indagine, ben il 79,8% degli italiani è favorevole ad aumentare o almeno a non allentare le restrizioni in vista delle feste di Natale. Secondo la maggioranza degli intervistati, a pandemia conclusa, ne usciremo tutt’altro che migliori. Lo sostiene infatti il 44,8% di loro, mentre per il 20,5% questa esperienza ci renderà migliori. Quindi la paura del covid: il 57,8% degli italiani, rivela l’indagine, “è disposto a rinunciare alle libertà personali in nome della tutela della salute collettiva, lasciando al Governo le decisioni su quando e come uscire di casa”.

LEGGI ANCHE: L’allarme del Censis: cinque milioni di famiglie non hanno un pasto decente

Secondo il rapporto inoltre, si allarga la forbice tra poveri e ricchi: a fronte del 22% di cittadini che vive in famiglie che percepiscono un sussidio di emergenza, ammontano al 3% gli adulti che vantano un patrimonio che supera il milione. Di questi, 40 sono miliardari e sono aumentati sia in termini numerici che patrimoniali durante la prima ondata dell’epidemia. Rispetto al dicembre 2019, nel giugno 2020 la liquidità delle famiglie ha registrato un incremento di ben 41,6 miliardi di euro (+3,9% in 6 mesi) e ora supera i 1.000 miliardi. In parallelo sono crollate le azioni (-6,8%), obbligazioni (-4,6%) e i fondi comuni (-5%). Per quel che riguarda la didattica a distanza, tale strumento “ha di fatto ampliato il gap di apprendimento tra gli studenti” per il 74,8% dei dirigenti scolastici. Infine, la natalità: “Nel 2019 i nati in Italia sono stati 420.170, 148.687 in meno rispetto al 2009, il 26,1% in meno. Gli italiani- spiega il Censis- fanno sempre meno figli”.

LEGGI ANCHE: Covid, Censis: “Per la tenuta psicologica degli italiani la deadline è Natale”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»