Coronavirus, Speranza: “Mascherine sempre, ipotesi che valutiamo. Juve-Napoli? Parliamo troppo di calcio”

MINISTERO DELLA SALUTE. INCONTRO PER EMERGENZA CORONAVIRUS
Il ministro della Salute: "Non possiamo escludere nuovi lockdown, ma lavoriamo per evitarli"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Le misure di sicurezza non sono posizioni che derivano da cesure destra-sinistra ma per bloccare il virus. Mi auguro ci sia concordia nazionale, dobbiamo essere uniti e non dividere il Paese“. Cosi’ il ministro della Salute Roberto Speranza a ‘Mezz’ora in piu” su Rai3.

L’obbligo di mascherina su tutto territorio nazionale h24 “e’ tra le ipotesi che stiamo valutando. Il governo fara’ le sue scelte dopo il passaggio parlamentare di martedi’”, dice Speranza. “Abbiamo bisogno di maggiori controlli dello Stato” per far rispettare il divieto di assembramento. “La sfida di fondo pero’ e’ la persuasione e la consapevolezza dei cittadini”.

“Ho sempre detto che tutte le risorse che arrivano sul SSN sono benvenute, vale per il Mes, il Recovery Fund o il bilancio dello Stato. Escludere un nuovo lockdown? Il risultato non e’ scritto nel cielo, dipendera’ dai comportamenti di ognuno di noi. Sono al governo e lavoro per evitare un nuovo lockdown, non potremmo permettercelo”.

CALCIO. SPERANZA: NE PARLIAMO TROPPO, PRIORITÀ È SCUOLA

Stiamo parlando troppo di calcio e troppo poco di scuola, la priorita’ deve essere altro. Anche io sono appassionato di calcio, ma attenzione a dare le priorita’. Juventus-Napoli stasera? E’ gia deciso che non si giochera’ ma attenzione- ribadisce Speranza- perche’ le cose importanti ora sono altre, e’ il lavoro degli ospedali”.

Per quanto riguarda la riapertura degli stadi, Speranza aggiunge: “Il CTS, in tutta sicurezza, ha fornito le sue norme per far proseguire il campionato. Altra cosa e’ la partecipazione del pubblico. Io sono contrario a riaprire stadi a migliaia di persone, sarebbe un rischio vero e un errore grave“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»