hamburger menu

Pensioni, Tridico (Inps): “Paghiamo meno all’estero di ciò che riceviamo”

Il presidente dell'Inps è intervenuto nel corso del convegno 'Il fenomeno migratorio e gli effetti sulle pensioni pagate all'estero' a Roma

04-07-2022 15:00
tridico pasquale inps Imagoeconomica
FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – Italiani popolo di migranti, ma oggi la scelta di emigrare non è più necessariamente legata alla necessità o al bisogno, come avveniva nel secolo scorso. Oggi si emigra per varie ragioni, dal perseguimento di un interesse, per raggiungere un figlio che si è trasferito o per vivere in un Paese in cui la pensione possa permettere una vita migliore. Questa mattina nel convegno ‘Il fenomeno migratorio e gli effetti sulle pensioni pagate all’estero’ è emerso come il 2% delle pensioni pagate dall’Istituto nazionale della previdenza sociale sono a favore di italiani emigrati all’estero.

MIGRANTES: OGNI 100 ITALIANI IN ITALIA, 9 VIVONO ALL’ESTERO

Secondo i numeri della fondazione Migrantes per ogni cento italiani presenti in Italia ce ne sono nove che vivono all’estero. Sarebbero infatti 5.6 milioni gli iscritti all’Aire, Anagrafe italiani residenti all’estero. Le comunità di italiani più numerose si trovano in America Latina, soprattutto in Argentina dove si trovano circa 884.187 pensionati, anche la Germania è una delle mete più gettonate con circa 801.082 italiani in pensione, al terzo posto la Svizzera con 639.508 connazionali.

Seguono a distanza le comunità residenti in Brasile, poco più di 500 mila, in Francia, 444 mila, Regno Unito, oltre 412 mila, e Stati Uniti, quasi 290 mila. Anche se gli italiani in pensione sono un po’ ovunque anche nel posto più remoto del mondo: l’arcipelago Tristan da Cunha nel bel mezzo dell’oceano Atlantico dove due degli otto cognomi più diffusi sono di origine genovese. La storia infatti racconta come nel 1892 qui vi approdarono due naufraghi, originari di Camogli, che decisero di rimanere sull’isola contribuendo all’ampliamento della comunità.

TRIDICO (INPS): PAGHIAMO MENO ALL’ESTERO DI CIÒ CHE RICEVIAMO

“Le pensioni che paghiamo all’estero, 326 mila distribuite in 160 Paesi, sono di gran lunga inferiori a ciò che i nostri pensionati ricevono dall’estero. Il solo dato della Germania copre l’intero contributo netto che l’Italia paga per i pensionati all’estero. Nel frattempo però si osserva un incremento delle pensioni pagate verso l’Europa dell’est, l’Africa e l’Asia, segno che i lavoratori stranieri che hanno lavorato in Italia stanno tornando nei loro Paesi d’origine”. Lo dice Pasquale Tridico, presidente dell’Inps, durante il convegno ‘Il fenomeno migratorio e gli effetti sulle pensioni pagate all’estero’ a Roma.

LAVORATORI EXTRACOMUNITARI CONTRIBUISCONO PER OLTRE 10 MILIARDI

“I lavoratori extracomunitari in Italia versano circa 10.8 miliardi di euro di contributi su 163 miliardi di contributi totali”, ha affermato Tridico. “Nonostante la cifra ‘monstre’ versata percepiscono solo 1.2 miliardi di prestazioni pensionistiche su un totale di 300 miliardi di euro. Quindi contribuiscono più di quanto percepiscono“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-07-04T15:00:44+02:00