Luca Marinelli sarà Diabolik nel nuovo film dei Manetti Bros

Nel cast, insieme all’attore di ‘Non essere cattivo’, anche Miriam Leone, che interpreterà l’affascinante Eva Kant, e Valerio Mastandrea, che vestirà i panni dell’ispettore Ginko
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – I Manetti Bros sono al lavoro sull’iconico personaggio dei fumetti creato da Angela e Luciana Giussani: Diabolik, che sarà interpretato da Luca Marinelli. Nel cast, insieme all’attore di ‘Non essere cattivo’, anche Miriam Leone, che interpreterà l’affascinante Eva Kant, e Valerio Mastandrea, che vestirà i panni dell’ispettore Ginko.

“Una scelta di cui andiamo orgogliosi- spiegano Antonio e Marco Manetti- Diabolik è un fumetto italiano, un mito dell’immaginario collettivo, e abbiamo fortemente voluto che il cast fosse al cento per cento italiano. Nello scegliere i protagonisti- continuano i Manetti- non ci siamo basati sulla sola somiglianza, ma abbiamo cercato e trovato attori bravi, in grado di comunicare le giuste emozioni: Luca Marinelli, uno degli attori più versatili del nostro cinema, capace di portare sul grande schermo il fascino e la freddezza di Diabolik senza fargli perdere umanità; Miriam Leone, un’attrice di carattere, bella e sensuale, la perfetta Eva Kant e Valerio Mastandrea così empatico, in grado di rendere vincitore anche Ginko, l’antagonista da amare”.

‘Diabolik’ è scritto da Michelangelo La Neve e Manetti Bros., che hanno firmato il soggetto insieme a Mario Gomboli. Il film è una produzione Mompracem con Rai Cinema, prodotto da Carlo Macchitella e Manetti bros. e uscirà nelle sale italiane nel 2020 con 01 Distribution.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»