Webinar di Cifa per gestire i cambiamenti delle imprese

Per ripartire: l’identità aziendale, le strategie, la contrattazione collettiva
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Nuovo appuntamento formativo con #IlLavoroContinua, il ciclo di webinar gratuiti organizzati dall’associazione confederale CIFA Italia e dal sindacato Confsal per sostenere imprese, lavoratori e professionisti nell’affrontare i cambiamenti imposti dalla crisi. Oltre 20mila i partecipanti formatisi finora sulla piattaforma www.illavorocontinua.it.

Il valore della contrattazione aziendale come tutela dei livelli occupazionali e l’individuazione di soluzioni alternative alla cassa integrazione, questo il focus del webinar in programma venerdì 5 giugno, sempre alle 14,30. Titolo: Fase 2 e ripartenza delle attività produttive: la contrattazione aziendale tra cassa integrazione e divieto di licenziamento.

Intervengono il presidente di CIFA, Andrea Cafà, l’ex ministro del Lavoro Cesare Damiano (membro del Cda INAIL), Maria Giovannone (professore aggregato in Diritto del mercato del lavoro Università Roma Tre), Giovanni Marcantonio e Simone Cagliano (esperti della Fondazione studi Consulenti del lavoro). Modera il webinar Salvatore Vigorini (consulente del lavoro e presidente del Centro studi InContra).

A supporto delle imprese, e grazie alla forza del suo network, CIFA mette a disposizione i migliori professionisti nel campo della formazione, della consulenza organizzativa, dell’assistenza contrattuale e del welfare aziendale.

A tutt’oggi è possibile partecipare all’Indagine sullo smart working 2020: capire il presente per progettare il futuro. Basta andare sul sito www.illavorocontinua.it. Imprese, agenzie formative e professionisti possono aderire all’accordo di partenariato dell’iniziativa, che mira ad approfondire il tema del lavoro a distanza e la sua percezione nel mondo lavorativo, produttivo e professionale.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

4 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»