Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

L’espresso italiano patrimonio Unesco, tutti d’accordo: c’è l’ok bipartisan

Arriva alla Camera la battaglia per ottenere la tutela dll'espresso italiano. E incassa il sostegno di tutte le forze politiche
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Una tazzina di caffè mette tutti d’accordo. Arriva il sostegno bipartisan alla richiesta di riconoscere la bevanda più bevuta al mondo, dopo l’acqua, come patrimonio dell’umanità. La battaglia, che si annuncia difficile, arriva alla Camera dove incassa il sostegno di tutti le forze politiche. Il Consorzio di tutela del caffè espresso avanza la domanda all’Unesco per valorizzare un rito italiano, ma anche un patrimonio culturale e del territorio che coinvolge tutto lo stivale.

Tra i deputati che assicurano il loro impegno ci sono Anna Chiara Gadda di Italia Viva, Flavia Piccoli Nardelli del Pd, Federico Fornaro di Lau, Filippo Gallinelli del MoVimento 5 Stelle, Franco Manzato della Lega fino a Luca De Carlo di Fratelli d’Italia.

Il 95% degli italiani beve abitualmente il caffè, principalmente tra le mura domestiche, ma il paese europeo con un maggiore consumo procapite risulta a sorpresa la Finlandia. Il settore in Italia vede 800 torrefazioni con circa 7.000 addetti e oltre 150.000 pubblici esercizi per un consumo annuale pro capite di caffè che sfiora i 6 chilogrammi. L’espresso italiano si distingue per la crema e per la macinatura al momento.


Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»