Siccità e animali, anche il Movimento animalista in campo per #StopCaccia

Dopo il Wwf, anche l'associazione di Michele Vittoria Brambilla si muove per fermare la riapertura della caccia in molte regioni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il Movimento Animalista, presieduto da Michela Vittoria Brambilla, lancia la campagna social #stopcaccia “per chiedere al governo e in particolare modo al Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, di sospendere l’attività venatoria dopo un’estate di siccità e incendi.

“La protesta sul web, guidata da Rinaldo Sidoli, responsabile del Centro studi del Movimento, arriva- spiega una nota- dopo la decisione delle Regioni di confermare le preaperture (tra ieri e oggi) nonostante l’appello delle associazioni animaliste e le indicazioni dell’Ispra. Perciò il Movimento invita i militanti, e tutti gli internauti, a ‘metterci la faccia’, pubblicando sui social la propria foto con l’hashtag #stopcaccia”.

“LA LEGGE DEL 2000 PREVEDE LO STOP ALLA CACCIA PER 10 ANNI DOVE CI SONO STATI INCENDI”

“Si stima – ricorda Sidoli – che circa 40 milioni di animali selvatici siano morti in più di 600 incendi. Oltre 125.000 gli ettari andati a fuoco per un danno di 2 miliardi di euro. Vi sono tutti gli elementi per applicare le leggi vigenti, bloccando l’attività venatoria, per evitare un ulteriore impatto ambientale negativo. A cominciare dalla legge quadro 353/2000 che prevede lo stop alla caccia per 10 anni in tutte le aree colpite dagli incedi e nelle zone limitrofe. Quest’aggressione autorizzata alla biodiversità – prosegue Sidoli – è un attentato alla sopravvivenza delle popolazioni di molte specie selvatiche. Il territorio e gli animali hanno bisogno di un atto di civiltà contro la pressione di centinaia di migliaia di cacciatori. Lo chiedono i cittadini, in gran maggioranza contrari alla caccia, che desiderano proteggere l’ambiente e il patrimonio faunistico. Non ascoltare la loro voce sarebbe un atto criminale”.

LEGGI ANCHE:

Caccia, anche l’Ispra chiede di rimandare apertura stagione: “Fauna provata dal caldo e a rischio”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»