Strage Bologna, Merola: “Il 2 agosto intitoliamo la stazione”

Dal sindaco arriva la conferma che l'intitolazione della stazione di Bologna avverrà per l'anniversario dei 40 anni dalla strage del 2 agosto 1980
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Il sindaco di Bologna, Virginio Merola, conferma: l’intitolazione della stazione centrale alla strage del 1980 “va avanti e si concretizzerà il prossimo 2 agosto”, quando scatteranno i 40 anni dalla bomba che fece 85 morti. Il sindaco, nella risposta al question time letta oggi dall’assessore Claudio Mazzanti, ringrazia “per la sensibilità le Ferrovie dello Stato e l’ad Gianfranco Battisti”.

“Sono felice che l’intitolazione avvenga in concomitanza del 40esimo anniversario”, ha replicato la dem Federica Mazzoni, autrice della domanda al sindaco. “Tutti coloro che transitano per la stazione devono sapere che è stata teatro di una strage neo-fascista“.

Ora l’attenzione si sposta però alle modalità della cerimonia di quest’anno, che dovrà fare i conti con le norme di distanziamento imposte dal Covid. “Spero quanto prima di avere i dettagli delle celebrazioni che saranno previste”, dice a questo proposito Mazzoni. “Pare che non ci sia il corteo, io ritengo- aggiunge ancora la dem- che si debba comunque celebrare il 2 agosto nel migliore dei modi”.

LEGGI ANCHE:

Strage Bologna, con il coronavirus si prospetta un 2 agosto molto diverso: voci e ologrammi

La stazione di Bologna si chiamerà ‘2 agosto’ per ricordare la strage

La stazione ‘2 agosto’ a Bologna “non sia solo una targa”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»