FOTO | A Ravenna in mostra i giochi antichi, tra oche civette e dadi

A Ravenna fino al 16 febbraio una mostra espone 300 giochi da tavola antichi, tra dadi oche e civette
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print















Precedente
Successivo

BOLOGNA – Il gioco dell’oca? Esiste da migliaia di anni, proprio come tanti altri giochi da tavola in cui ci si sfida a colpi di fortuna e di dadi. A Ravenna una mostra fa un tuffo indietro nella storia dei giochi da tavola e ne sfodera oltre 300 da ammirare, tra civette e burattini, datati in alcuni casi a fine 1600.

Si chiama “Oche, civette e dadi” la mostra che ha aperto i battenti a Ravenna il 20 dicembre e che ora è stata prorogata fino al 16 febbraio. Sottotitolo: “La Collezione dei giochi da tavolo della Biblioteca Classense”.

Come già per il mese di gennaio, la domenica è possibile visitare la mostra gratuitamente (9 e 16 febbraio) alle 16.30. Per prenotarsi (massimo 25 persone) telefonare allo 0544.482116 o scrivere a segreteriaclas@classense.ra.it.

Predisposto uno speciale catalogo dedicato alla mostra (che riproduce gli esemplari esposti) e anche un gioco edito dalla biblioteca per l’occasione: la plancia di gioco riproduce da un lato l’antico Gioco della cucagna (1691) e dall’altro Il gioco del si può, realizzato da Jacovitti nel 1980.

Gli orari della mostra: da martedì a sabato dalle 9 alle 19, domenica e lunedì dalle 14 alle 19. L’ingresso è libero.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»