Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Da Renzi ai vaccini: Conte alle prese con una ‘zdaura’ 86enne a Bologna

Giuseppe Conte Bologna strage 2 agosto
L'ex premier è stato fermato da un'anziana signora mentre partecipava alla commemorazione della strage del 2 agosto 1980
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Da Matteo Renzi che “è un traditore” al vaccino in cui “non credo, ma l’ho fatto per forza”. Il leader M5s Giuseppe Conte, oggi a Bologna per la commemorazione della strage alla stazione del 2 agosto 1980, tra selfie, autografi e strette di mano con le persone in strada, finisce suo malgrado per essere il protagonista anche di un siparietto con la signora Tamara: 86 anni, in sella alla sua bicicletta, quando vede l’ex premier in via Indipendenza, smonta dal sellino e lo ferma.

“Vuol sapere cosa penso io? Che voglio morire presto- dice la signora Tamara- questo mondo non mi piace per niente. Non è un mondo per me. Lo stanno distruggendo. E voi cosa fate? Niente. Dovete mettere insieme un buon governo, mettere insieme delle cose che dovete assolutamente fare, mantenendo le parole che date, mettetevi d’accordo e combattere. Non cedere davanti alle persone malvagie, come è successo”. Conte ascolta: “Tipo?”, chiede. “Tipo Renzi, che è un traditore– risponde con la battuta pronta la signora- ma chi paghiamo? Pensi che l’hanno eletto gli ex comunisti, una vergogna totale“.

L’ex premier ride: “Io non parlo, eh? Lo dice lei…”. La signora Tamara non si fa certo problemi. “Adesso che ho 86 anni non sto zitta neanche se mi legano. Io non credo neanche nei vaccini, guardi…”. E qui Conte sorride meno. “Ma l’ha fatto?”, si informa. “Ah par fòrza, a Bologna non si poteva fare altro”, risponde la 86enne. “Eh va fatto, va fatto…”, si raccomanda Conte. “Però non mi chiedano più niente, perchè ho già dato”, lo interrompe di nuovo la signora. Che torna alla carica: “Sappiamo cosa abbiamo fatto noi, la nostra generazione. E hanno distrutto tutto. Va mo là, Conte: mettiti mo’ con della grinta“, esorta. “Io ce la metto tutta”, la rassicura l’ex premier. “Bravo, guarda che ti controllo eh?”, lo avverte la signora. “Quando ripasso a Bologna ti aspetto”, promette Conte. E si stringono la mano.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»