Lavoro, Di Maio: “Troppa precarietà, Jobs act va rivisto”

La linea del nuovo ministro del Lavoro: "La gente non ha certezza neanche più per prenotarsi le vacanze, c'è troppa precarietà"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il jobs act va rivisto, c’è troppa precarietà. La gente non ha certezza neanche più per prenotarsi le vacanze non solo per sposarsi e se dobbiamo dare più forza all’economia la dobbiamo ridurre”. Lo dice il ministro Luigi Di Maio, in un video su Facebook.

“VIA SPESOMETRO, REDDITOMETRO E STUDI DI SETTORE”

“Gli imprenditori li dobbiamo lasciare in pace: via spesometro, redditometro e studi di settore”. Così il ministro dello Sviluppo economico Luigi Di Maio, in un lungo video su Facebook.

“COL COLLE INTERLOCUZIONE VIRTUOSA, ORA FARE SQUADRA”

“Sembrava che non ci volessero far fare il governo del cambiamento, in realtà ci è stato permesso, c’è una interlocuzione istituzionale col Quirinale virtuosa e buona che continueremo a portare avanti perché adesso è il momento di fare squadra”. Lo dice il neoministro dello Sviluppo economico Luigi Di Maio, in un video pubblicato su Facebook.

“LEGA E M5S HANNO UNITO ISTANZE SOCIALI PAESE”

“Il Movimento cinque stelle e’ stata la prima forza politica in assoluto con oltre il 50% ed e’ stata prima forza politica in tante regioni del nord. La Lega e’ stata prima forza politica in assoluto nel Nord e, io credo, che se non abbiamo unito l’Italia dal punto di vista geografico, sicuramente lo abbiamo fatto dal punto di vista delle istanze sociali”. Lo dice il ministro dello Sviluppo economico Luigi Di Maio, partecipando ai festeggiamenti del 2 giugno.

Leggi anche:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»