NEWS:

Razzismo a Buckingham Palace, un libro svela i nomi di due reali ‘colpevoli’

Si tratta del chiacchierato "Endgame" di Omid Scobie, o meglio della versione olandese del volume già ritirata dal mercato

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

ROMA – Harry e Meghan lo avevano gridato forte e chiaro nell’esclusiva intervista rilasciata nel 2021 ad Oprah Winfrey: a Buckingham Palace due reali avevano espresso preoccupazione per il possibile colore della pelle di Archie. L’ex attrice aveva rivelato di aver ascoltato commenti razzisti mentre era in gravidanza del primogenito. Ora un libro rivela i nomi dei ‘colpevoli’.

Si tratta del chiacchierato “Endgame” di Omid Scobie, o meglio della versione olandese del volume già ritirata dal mercato. Nello scritto originale, l’autore non cita mai veramente i nomi, rimane sul vago per non incappare in possibili cause milionarie per diffamazione.

Nei giorni scorsi, però, chi ha comprato il libro in Olanda si è ritrovato con rivelazioni ben più concrete. “Ho scritto e curato la versione inglese. Non c’è mai stata una versione da me prodotta che contenga dei nomi”, ha specificato Scobie per cancellare ogni dubbio.

I NOMI RIVELATI PER ERRORE

I due nomi erano quelli di Re Carlo e della futura regina Kate Middleton. Tra le pagine, quest’ultima viene descritta come fredda e insensibile. Avrebbe totalmente ignorato i segnali d’aiuto lanciati da Meghan durante la sua prima gravidanza.

Il sovrano definito un viziato. Non a caso, un ex maggiordomo, in passato, ha rivelato: “Il suo pigiama viene stirato ogni mattina, così come i lacci delle scarpe. Il tappeto del bagno deve essere in una certa posizione e la temperatura dell’acqua deve essere appena tiepida”. Il Re “fa persino spremere ai suoi valletti un centimetro di dentifricio sullo spazzolino ogni mattina”. E, infine, William esce dal libro come una persona ambiziosa.

Ora tutti si domandano chi abbia dato l’ok per la pubblicazione della versione olandese. Quesito che potrebbe rimanere senza risposta.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it