Botti di Capodanno, ferita una 19enne nel casertano. Un 26enne ad Ascoli cade a muore

La giovane vittima stava tentando di spegnere un incendio provocato dai fuochi e ha fatto una brutta caduta. Inutili i soccorsi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La festa di Capodanno si è trasformata in tragedia ad Ascoli Piceno dove un ragazzo di 26 anni è morto dopo essere caduto. È successo a Colle San Marco a mezzanotte e i fatti sarebbero andati così: a causa di alcuni fuochi d’artificio si era innescato un principio di incendio nella sterpaglia e il giovane, tentando di fermare il fuoco, è caduto ed è precipitato per almeno cinquanta metri in una zona impervia. L’allarme è stato dato immediatamente, sono arrivati Vigili del fuoco e 118. È stata tentata la rianimazione ma non c’è stato nulla da fare, il suo cuore aveva già smesso di battere.

LEGGI ANCHE: Capodanno, a Milano ferito un bimbo di 4 anni: 204 i feriti, gli incidenti più gravi

L’incidente più grave legato all’esplosione di botti e fuochi di artificio è avvenuto ad Aversa, nel casertano, dove una 19enne è stata colpita da un proiettile vagante all’addome, mentre era affacciata dal balcone di casa. Altri due incidenti si sono verificati a Maddaloni e a San Nicola La Strada, dove, rispettivamente, un 24enne e un 58enne, sono rimasti feriti dall’esplosione di petardi con prognosi di giorni 15 e 10 giorni.

Tra Napoli e provincia si sono registrati almeno 12 feriti in città e 26 nell’area metropolitana a causa di fuochi d’artificio e petardi. Nel quartiere di Fuorigrotta, a Napoli, due persone sono state colpite alla schiena da un razzo ma per fortuna non si sono feriti gravemente.

A Bari è crollata una parte del controsoffitto di una sala dell’hotel Excelsior di Bari, che ha ceduto durante il veglione di Capodanno: quattro i feriti, uno dei quasi ha lesioni gravi. Il crollo è avvenuto intorno all’una: era in corso una cena con circa 100 persone animata dalla musica. Poi sarebbe dovuta iniziare una serata danzante.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

1 Gennaio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»