Calenda: “Il Pil? per Di Maio è colpa mia, del Pd e di mia zia”

ROMA – “Il Pil in sei mesi si è fermato? Per Di Maio è colpa mia, del Pd e di mia zia“. Lo dice l’ex ministro dello Sviluppo Economico, Carlo Calenda, parlando a margine della presentazione del suo libro ‘Orizzonti Selvaggi’ alla Feltrinelli di Napoli.

L’esponente del Pd si dice convinto che se Lega e Movimento 5 Stelle “si fossero seduti a un tavolo per decidere di far ‘zompare’ l’Italia non avrebbero potuto fare più casino“.

A dimostrarlo sarebbero i dati: “gli investimenti sono scesi, il decreto dignità ha fatto saltare 40mila lavoratori a tempo determinato ad agosto, la fuga dei capitali è a livelli allarmanti, le banche sono in difficoltà perché lo spread è fuori controllo. E tutto questo – conclude Calenda – è successo in soli sei mesi”.

Leggi anche:

31 ottobre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»