Matera 2019, continua il successo della mostra di Dalì nei sassi

L'esposizione, visitabile fino alla fine del 2019, è stata allestita grazie alla collaborazione della fondazione Dalì Universe con l'associazione culturale materana La Scaletta e con Phantasya
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – “Siamo molto soddisfatti. Non ci aspettavamo un tale successo”. Così, Patrizia Minardi, coordinatrice delle attività di Dalì Universe facendo un bilancio della mostra ‘La persistenza degli opposti’, a Matera dal 2 dicembre scorso alla chiesa rupestre della Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci. L’esposizione, visitabile fino alla fine del 2019, è stata allestita grazie alla collaborazione della fondazione Dalì Universe con l’associazione culturale materana La Scaletta e con Phantasya, società napoletana che ha curato l’intero allestimento della mostra e specializzata nel dare una vita 4.0 a siti e opere d’arte. 

Leggi anche: Matera 2019, tra i sassi l’opera e lo sguardo surreale di Dalì

“Fino al primo gennaio scorso le visite sono state oltre 15 mila e a fine mese aggiorneremo i dati con i numeri anche delle ultime settimane”, spiega Minardi che sottolinea: “Credevamo che la mostra avrebbe avuto successo durante il periodo estivo, quando i turisti scendendo nei Sassi avrebbero incrociato nel percorso la mostra delle opere di Dalì. Invece dobbiamo dire che stiamo registrando interesse mirato da parte delle persone: vengono a visitare la mostra in modo e dedicandovi un tempo specifico”. E turisti l’hanno apprezzata anche in occasione della inaugurazione di Matera 2019, “durante le celebrazioni – aggiunge – siamo rimasti aperti accogliendo molto visitatori”.

A meravigliare i turisti è “l’insieme. Nel giudizio si interrogano sul se siano più belle le opere del maestro o il luogo stesso che le ospita. Le statue di Dalì si trovano in un complesso del 1.200 circa con dipinti che risalgono al 1.600, 1700”. “La cosa interessante – conclude Minardi – che si è riusciti a unire due opere d’arte. La chiesa rupestre infatti è una scultura creata scavando dentro la roccia che custodisce le sculture di Salvador Dalì”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

26 Gennaio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»