Roma, inaugurata nuova ala 'Terrazza Termini': negozi e ristoranti su 3.000 mq

Lazio

Roma, inaugurata nuova ala ‘Terrazza Termini’: negozi e ristoranti su 3.000 mq

ROMA – È stata inaugurata questa mattina a Roma la seconda parte della nuova terrazza commerciale della stazione Termini, affacciata direttamente sui binari. Dopo l’inaugurazione della prima ala, nel 2016, da oggi, anche se in realta’ sono stati aperti gia’ da qualche giorno, sono a disposizione dei viaggiatori 6 nuove aree ristoro, 300 nuove sedute pubbliche su 3.000 metri quadrati. Il taglio del nastro e’ avvenuto alla presenza del sindaco di Roma, Virginia Raggi; di Claudia Cattani, presidente Rete ferroviaria italiana; Silvio Gizzi, amministratore delegato di Grandi stazioni Rail e Alberto Baldan, ad di Grandi stazioni Retail. Come per la prima ala anche l’area inaugurata oggi e’ collegata direttamente, con scale mobili e ascensori, alla galleria gommata del piano terra. La superficie complessiva della ‘Terrazza Termini’ raggiunge circa 5.800 metri quadrati per 13 esercizi commerciali. Tutta la galleria e’ dotata di wi-fi e sara’ videosorvegliata da 44 videocamere. “Quest’opera- ha spiegato Gizzi- fa parte di un programma di interventi previsti per la riorganizzazione degli spazi interni di Termini, che prevede anche la riqualificazione della galleria gommata e il completamento del parcheggio multipiano sui binari. I lavori in quest’area sono iniziati nel 2012, divisi in due fasi, e hanno sempre consentito l’esercizio ferroviario e della stazione. È un’opera da 32 milioni, 25,6 dei quali con fondi Cipe e 6,4 di Grandi stazioni retail“. Raggi ha aggiunto che “questa nuova piastra rappresenta un punto fondamentale per Termini perche’ accoglie con maggiore comfort i viaggiatori. Ma noi stiamo anche lavorando per pensare in maniera diversa questa stazione e trasformarla in un punto di incontro della citta’, con interventi di grande respiro a partire dalla riqualificazione di piazza dei Cinquecento”.

19 luglio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»