Isoardi invoca la Madonna, i social: “Dillo al ‘tuo’ Salvini…”

ROMA – Gli inconvenienti dell’essere la compagna di un leader politico: posti una preghiera alla Madonna, e ti becchi una contestazione via social. Capita se ti chiami Elisa Isoardi e sei la compagna del vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini. Capita se il giorno prima Salvini ha annunciato di voler fare il censimento dei Rom, dopo una settimana di fuoco sui migranti.

“Alla mamma di tutte le mamme… Vergine Maria, Madre che non hai mai abbandonato un figliolo che grida aiuto, Madre le cui mani lavorano senza sosta per i tuoi figli tanto amati, perché sono spinte dall’amore divino e dall’infinita misericordia che esce dal tuo cuore, volgi verso di me il tuo sguardo pieno di compassione, guarda il cumulo di ‘nodi’ che soffocano la mia vita”, scrive Isoardi su Instagram, accanto a una foto che la ritrae in primissimo piano, mentre sullo sfondo si scorge il quadro della Beata Vergine.
E ancora: “Tu conosci la mia disperazione e il mio dolore. Sai quanto mi paralizzano questi nodi e li ripongo tutti nelle tue mani. Nessuno, neanche il demonio, può sottrarmi dal tuo aiuto misericordioso”, e’ la preghiera di Isoardi, che continua cosi’: “Nelle tue mani non c’è un nodo che non sia sciolto. Vergine madre, con la grazia e il tuo potere d’intercessione presso tuo Figlio Gesù, mio Salvatore, ricevi oggi questo ‘nodo’ (nominarlo se possibile). Per la gloria di Dio ti chiedo di scioglierlo e di scioglierlo per sempre. Spero in te. Sei l’unica consolatrice che il Padre mi ha dato. Sei la fortezza delle mie deboli forze, la ricchezza delle mie miserie, la liberazione da tutto ciò che m’impedisce di essere con Cristo. Accogli la mia richiesta. Preservami, guidami, proteggimi. Sii il mio rifugio. Maria, che sciogli i nodi, prega per me”.

I commenti

Parole venate di misticismo, accolte in rete da un profluvio di commenti positivi, e oltre 6mila like. Accanto, tuttavia, a non poche aperte contestazioni, da parte di chi legge nell’iniziativa della show girl il tentativo di colmare il vuoto aperto dal marito nel cuore di tanti cattolici.  L’utente che si firma sant.happymoments e’ infuriato. “Ipocrita. Ipocrita. Ipocrita. Ipocrita. Ipocrita. Ipocrita. Ipocrita. Ipocrita. Da credente- scrive- mi vergogno di te. Non c’è nulla di cristiano in ciò che fai partendo dal sostegno al razzista con cui vivi. Vergognati”, dice a Isoardi. Altri come Andrea Baldari chiedono piu’ prosaicamente se non siano “i sensi di colpa per il marito” ad aver ispirato la preghiera.

Tra i commentatori, va forte il genere della parodia. Come Morello Federico: “Oh Maria, sciogli i nodi dei due neuroni del fidanzato di questa tizia, grazie, sono annodati molto stretti. Amen”, scrive. Mentre Ribo Paul ribatte con una contro-preghiera: “Madre fai che il mio figlio, rifugiato palestinese non venga scacciato, che non le chiudiate i muri e non facciate di lui mercificazione mediatica. Madre fai che i popoli non sia degli elenchi, che ogni essere umano sia privo di un numero censito sulla base etnica e perdona coloro che guadagnano fiducia sul consenso discriminatorio e che giudicano la diversità altrui”. Daniele Gabrieli ammette: “Anch’io, da quando è al potere il tuo fidanzato, prego molto di più”, mentre Federico si chiede “come mai questo post strappalacrime proprio quando Salvini ha annunciato l’incontro col Papa? Che poi il Vaticano ha smentito..”.  Per Irene Pollini, a Elisa Isoardi “più che una preghiera, credo servirebbe un buon analista per capire come una donna graziosa e gentile come lei possa stare con un uomo privo di scrupoli e narciso come lui”. Non esattamente una preghiera, insomma.

LEGGI ANCHE:

Salvini e il censimento dei Rom. “Non schedatura, ma tutela bambini”

Rom, Casamonica a Salvini: “Con noi righi dritto”. Lui: Minacce non mi spaventano”

Aquarius arriva in porto a Valencia. Salvini: “Non siamo più zerbini d’Europa”

Ti potrebbe interessare:

19 giugno 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»