Roma, trovato pitone reale in un pub. Sequestrato

Il Python regius è una specie originaria dell'Africa occidentale: questo era in un pub a San Lorenzo e il proprietario non aveva la necessaria autorizzazione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Una segnalazione giunta all’Oipa di Roma ha portato al sequestro di un esemplare di Pitone Reale (Python regius) detenuto in una piccola teca, non riscaldata adeguatamente come è richiesto per la specie, e privo di acqua. Il rettile è stato trovato all’interno di un pub nel quartiere San Lorenzo, uno dei centri della movida romana, evidentemente detenuto come attrazione per gli avventori. Un primo controllo condotto dalle Guardie Zoofile del nucleo di Roma dell’Oipa, congiuntamente al Servizio veterinario della Asl Roma 1, aveva accertato la detenzione dell’animale in una struttura inadeguata e il possesso illegale in quanto il proprietario era sprovvisto della necessaria autorizzazione prevista dalla normativa regionale in materia di animali esotici, categoria nella quale il serpente in questione rientra essendo la specie originaria dell’Africa occidentale.

Ieri c’è stato l’intervento risolutivo, come disposto dalla Asl, le Guardie Zoofile dell’Oipa con il supporto necessario dei Carabinieri del Comando Stazione San Lorenzo vista l’ostilità del proprietario, hanno prelevato il pitone e affidato al custode autorizzato dal Servizio veterinario. Essendo il Pitone Reale un animale protetto dalla convenzione internazionale Cites, se il controllo documentale e la visita veterinaria dovessero evidenziare delle irregolarità, oltre alla sanzione amministrativa, per il proprietario scatterebbe anche la denuncia all’Autorità giudiziaria.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

19 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»