Sindaco di Ponzano Romano arrestato per corruzione, perquisite case di Verdini e Ciocchetti

ROMA -I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma ha dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per corruzione, che dispone l’arresto del sindaco di Ponzano Romano, comune a nord di Roma. Oltre al sindaco arrestato, ci sono anche due indagati in stato di libertà, all’epoca dei fatti pubblici ufficiali. Tutti hanno ricevuto utilità da Sergio Scarpellini, l’immobiliarista romano già arrestato dai Carabinieri per corruzione il 16 dicembre 2016 assieme all’allora dirigente del comune di Roma Capitale Raffaele Marra. Il Gip del Tribunale di Roma, su richiesta della locale Procura, ha inoltre disposto a carico dei tre indagati, il sequestro di beni per circa 750.000 euro, ritenuti profitto delle tangenti ricevute.

PERQUISIZIONI PER VERDINI E CIOCCHETTI

Nell’ambito dell’indagine che ha portato all’arresto del sindaco di Ponzano Romano, Enzo De Santis, sono in corso perquisizioni da parte dei Carabinieri nelle abitazioni di Roma e Firenze dell’ex parlamentare Denis Verdini e nella casa romana dell’ex vicepresidente della Regione Lazio, Luciano Ciocchetti.

Nell’indagine sono inoltre indagati un consigliere comunale di Ponzano e l’ex presidente dell’Assemblea capitolina, Mirko Coratti, già coinvolto in ‘Mondo di mezzo’.

Leggi anche:

Ti potrebbe interessare:

18 settembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»