Si masturbava davanti ai bambini, arrestato a Bologna

L'uomo, un operaio di 44 anni senza famiglia, andava davanti a materne ed elementari e mentre i bambini erano in giardino per la ricreazione, mostrava loro i genitali e si masturbava
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Per circa un anno “si è reso responsabile di esibizioni di carattere sessuale” davanti ad alcune scuole e in giardini pubblici della provincia di Bologna. E ieri pomeriggio gli agenti del commissariato di Polizia di San Giovanni in Persiceto e i Carabinieri del Nucleo operativo e Radiomobile della Compagnia persicetana lo hanno colto in flagrante a Calderara di Reno e l’hanno arrestato per atti sessuali in presenza di minori, reato punito con la reclusione da uno a cinque anni.

Protagonista della vicenda, fanno sapere la Polizia e i Carabinieri, è un operaio 44enne italiano, incensurato e senza famiglia, che secondo quanto ricostruito dagli investigatori in decine di occasioni “si era avvicinato ad alcuni istituti scolastici e giardini pubblici dei Comuni di San Giovanni in Persiceto, Pieve di Cento, Baricella e Calderara di Reno“, dove “esibiva i suoi genitali” davanti a bambini che frequentavano le scuole materne ed elementari, in alcuni casi anche masturbandosi.

Dopo le denunce sono scattati “numerosi servizi di osservazione e pedinamento”, e ieri l’uomo è stato notato mentre “si avvicinava, a Calderara, a due istituti scolastici dove i bambini, durante la ricreazione, erano usciti in cortile”. In quel momento il 44enne “si è abbassato i pantaloni e ha iniziato a masturbarsi davanti ad alcuni scolari“, venendo bloccato da Polizia e Carabinieri e arrestato.

Nei suoi confronti è stata anche eseguita una perquisizione domiciliare, nel corso della quale è stato trovato del materiale informatico che ora è al vaglio della Polizia postale. L’arrestato, che come precisa la Questura è anche indagato per gli altri episodi analoghi avvenuti nei quattro Comuni bolognesi, ora si trova nel carcere della Dozza, a disposizione del pm Augusto Borghini.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

18 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»