Bertolaso meteora e Salvini affossa il centrodestra a Roma - DIRE.it

Politica

Bertolaso meteora e Salvini affossa il centrodestra a Roma

rom-termini-650x274 (1)

ROMA  –  Mesi di discussione tra le forze del centrodestra e alla fine era toccato a Berlusconi tirar fuori il nome da candidare a sindaco di Roma: Guido Bertolaso, l’ex capo della Protezione civile, uomo buono per tutte le stagioni e per tutti i disastri. Ma è bastata una frase di Bertolaso sui Rom (“vessati“) a far cadere l’appoggio del leader leghista Matteo Salvini. Che i campi Rom li vorrebbe spazzar via a colpi di ruspa. Per non parlare di Roma ladrona. “Bertolaso- ha detto Salvini- e’ il candidato che ci e’ stato proposto, abbiamo detto di si’, ma io non l’ho ancora incontrato. E tra il si’ della Lega e le elezioni ci sono i cittadini romani: li ascolteremo e poi decideremo, in base a quello che ci diranno ci sara’ il nostro giudizio finale. Non accettiamo pacchetti chiusi”.

Le frasi sui “rom vessati- dice in una conferenza stampa al Senato- me le sarei aspettate piu’ da Vendola che dal candidato del centrodestra. E poi le parole su Rutelli, sul Pd… la sua partenza non e’ stata il massimo per la Lega“. La partita quindi, chiedono i giornalisti, e’ ancora aperta? “Tutte le partite sono sempre aperte”, risponde Salvini. Apriti cielo: Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, appresa la novella ha fatto subito sapere che non parteciperà al pranzo con Silvio e Matteo. E il candidato Marchini, l’escluso, gongola e li aspetta sulla riva del fiume.

18 febbraio 2016
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»