Funder35: dalle fondazioni 2,5mln per 50 imprese no profit - DIRE.it

Giovani

Funder35: dalle fondazioni 2,5mln per 50 imprese no profit

ROMA – 50 imprese culturali no profit composte da giovani in 14 regioni italiane saranno sostenute con 2,5 milioni di euro grazie al progetto “Funder 35“. I 50 progetti selezionati (su 170) hanno ricevuto un contributo medio di 50.000 euro per promuovere attivita’ culturali in diversi ambiti; dalla musica, all’arte, al teatro. Le giovani imprese senza scopo di lucro sono situate in diversi comuni di 14 regioni italiane.

funder35_logo

Per gli organizzatori di “Funder35”, il progetto permettera’ ai vincitori “non solo la realizzazione di un progetto di crescita organizzativa, grazie ad un contributo economico a fondo perduto, ma anche di percorrere insieme, tra pari, un percorso di formazione e condivisione di strumenti, modelli e pratiche, per consolidarsi in un mercato delicato e difficile anche per le criticita’ legate alla crisi dei bilanci pubblici”. Tra i progetti che non sono stati scelti per il finanziamento, 12 potranno comunque “beneficiare del sostegno dell’iniziativa” attraverso i servizi e la formazione offerti dal progetto. Il 26 gennaio le realta’ premiate dal bando saranno presentate in una conferenza stampa al MiBACT- Ministero dei Beni e delle Attivita’ Culturali e del Turismo. Sara’ presente il ministro Dario Franceschini.

“La strada da fare e’ ancora molta, ma crediamo che coniugare la dimensione del sociale con quella culturale, con i giovani come protagonisti, rappresenti un valido percorso di cambiamento e innovazione dei nostri territori” commenta Carlo Borgomeo, presidente di Fondazione Con il Sud, una delle 18 strutture private che hanno sostenuto l’iniziativa con il patrocinio di Acri – associazione di fondazioni e casse di risparmio Spa. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito funder35.it.

16 dicembre 2015
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»