La Corte dei Conti apre un’inchiesta su Matteo Salvini. Lui: “Nessuna irregolarità”

Sotto la lente i voli a bordo di aerei ed elicotteri della Polizia per fare campagna elettorale, come messo in luce dal quotidiano 'La Repubblica'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La Corte dei Conti del Lazio ha aperto un’inchiesta sull’utilizzo degli aerei della Polizia di Stato da parte del ministro dell’Interno Matteo Salvini. 

Nasce tutto da un articolo uscito sul quotidiano ‘La Repubblica’ lo scorso 14 maggio, in cui venivano ricostruiti gli spostamenti di Salvini lungo lo Stivale, mettendo in luce come avesse usato aerei ed elicotteri della Polizia per presenziare a più di 200 incontri di natura elettorale (in quanto capo della Lega) e non, quindi, nell’esercizio delle sue funzioni di titolare dell’Interno. L’escamotage per l’uso dei mezzi? Ai comizi veniva affiancato sempre un evento ufficiale nelle vicinanze. Ora la Corte dei Conti vuole vederci chiaro, rende noto il quotidiano diretto da Carlo Verdelli.

“Nessun abuso, nessuna irregolarità, nessun volo di Stato o della Polizia per fare comizi ma sempre per impegni istituzionali. Sfido chiunque a dimostrare il contrario”, commenta il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

16 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»