"Curavo il cancro col bicarbonato". Finti epitaffi contro fake news, la campagna dei medici di Bari

Lazio

“Curavo il cancro col bicarbonato”. Finti epitaffi contro fake news, la campagna dei medici di Bari

ROMA – ‘Ho curato il cancro con il bicarbonato di sodio‘. ‘Non mi hanno vaccinato per paura dell’autismo’. ‘Avevo letto che una dieta di sei uova al giorno faceva dimagrire’. Sono alcuni epitaffi che compaiono sulle lapidi di una campagna di sensibilizzazione sul tema delle ‘fake news’ in sanità, che sarà lanciata a marzo dall’Ordine dei medici di Bari.

L’iniziativa è stata anticipata oggi a Roma in occasione della presentazione del nuovo portale ‘Dottoremaeveroche‘ della Fnomceo (Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri), nato con l’obiettivo di contrastare in rete, ma non solo, la diffusione delle ‘bufale’ in sanità.

‘Avevo acquistato sul web un farmaco miracoloso’. ‘Credevo fosse un reale dentista ma non lo era. Avevo un tumore alla bocca non diagnosticato’, è intanto il testo di altri cartelloni della campagna che saranno diffusi attraverso i media, proiettati nei cinema di Bari e messi a disposizione di tutti gli Ordini dei medici che vorranno farli propri.


‘DOTTORE MA È VERO CHE?’, ONLINE SITO MEDICI CONTRO ‘BUFALE’

Dalla falsa correlazione tra vaccini e autismo agli effetti ‘miracolosi’ di alcune sostanze contro tumori e Aids, le fake news in sanità corrono veloci in rete e si diffondono sotto l’effetto moltiplicatore delle condivisioni, spesso acritiche, sui social network. Per contrastare questo fenomeno è da oggi online (agli indirizzi www.dottoremaeveroche.it e https://dottoremaeveroche.it) ‘Dottoremaeveroche’, il nuovo sito della Fnomceo (Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri) che si rivolge da un lato ai cittadini, per rispondere ai loro principali dubbi sulla salute, dall’altro ai medici di famiglia, destinatari di nuovi strumenti (video, infografiche e schede riassuntive) per chiarire le paure dei loro assistiti. La presentazione del portale è avvenuta oggi a Roma, nella sede del ministero della Salute.

16 febbraio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»