Libia, M5S: “Però quando teme il processo Salvini non decide da solo…”

Continua lo scontro nel governo sulla linea dei 'porti chiusi' scelta da Matteo Salvini: il Movimento 5 Stelle prepara le barricate
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “È curiosa la posizione del ministro dell’interno. Quando teme di essere processato dice che le cose si fanno insieme, quando invece è in campagna elettorale dice che decide da solo sui porti. Hai capito Salvini…”. Lo dicono fonti M5S.

LEGGI ANCHE: Libia, Trenta ‘zittisce’ Salvini: “Con guerra avremo rifugiati, non migranti. E i rifugiati si accolgono”

LIBIA. FICO: PER DIRITTO INTERNAZIONALE CHI FUGGE DA GUERRA NON VA RESPINTO

“L’Europa deve lavorare insieme, unita, alla risoluzione delle tensioni del conflitto libico. E’ molto importante anzi, questa è la priorità, così eviteremo anche nuovi arrivi in Europa non di migranti ma di libici che scappano dalla guerra”. A chiederlo è il presidente della Camera, Roberto Fico, parlando a margine di un’iniziativa all’università Parthenope di Napoli.

“Il diritto internazionale – ricorda – dice che i rifugiati non possono essere respinti”, ricorda Fico, ribadendo che l’accoglienza “è un diritto per coloro che scappano da una guerra”.

Per il presidente della Camera, bisogna intervenire al più presto “perché la Libia si messa in sicurezza. Si deve evitare in ogni modo un conflitto – sottolinea – che può essere anche dirompente perché combattuto strada per strada e quartiere per quartiere. Bisogna allontanare l’idea che possa esserci un conflitto”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

15 Aprile 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»