Al Bano nella lista nera dell’Ucraina, il cantante: “Sono uomo di pace, ma Putin è un grande”

Per il ministero della Cultura ucraino il cantante pugliese sarebbe “una minaccia nazionale”
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Al Bano pericoloso? Così sembrerebbe, almeno secondo il Ministero della Cultura ucraino per il quale sarebbe “una minaccia nazionale”. Intervenuto questa mattina ai microfoni di RTL 102.5 durante “Non Stop News” il cantante di Cellino San Marco a proposito del suo inserimento della ‘black list’ ucraina ha dichiarato: “La prima impressione è stata di un pesce di aprile in anticipo, poi ieri stavo partendo per Zagabria quindi non c’è stato il tempo di seguire fino in fondo. Dopo una miriade di telefonate mi sono chiesto che cavolo fosse successo, quando ho letto poi ho capito e sicuramente si tratta di un errore madornale perché è impossibile trasformare un uomo di pace quale io so di essere in un terrorista qualsiasi”.

Il Governo ucraino dice che l’amicizia con il presidente russo Putin è la colpa.

“Io non ho mai parlato di amicizia con Putin e mi dispiace, non sono amico perché è impossibile essere amico di una potenza del genere ma ho avuto l’opportunità di conoscerlo in tre occasioni ed è una persona eccezionale. A parte il fatto che quando va in giro non è che arriva Putin, arrivano trecento persone prima e altre quattrocento quando c’è lui, non stai mai da solo a tu per tu con il grande Putin. A tu per tu l’ho visto per la prima volta a Leningrado nel 1986 dove io facevo una serie di spettacoli a Leningrado prima, diciotto concerti e altri diciotto a Mosca. Lì l’ho visto, è venuto in albergo, ha salutato, ha ringraziato, l’ho ringraziato e quello è stato il primo incontro, era il capo del KGB. Poi dopo l’ho incontrato una seconda volta nel Cremlino nella notte del capodanno russo che si svolge sempre il 30 dicembre e lì l’ho conosciuto, erano presenti Putin con Yeltsin e le loro famiglie e i capi di tutte le Russie, sia religiosi che politici, li ho conosciuti quasi tutti e in quell’occasione ho cantato con l’orchestra sinfonica di Mosca. La terza volta è stata l’anno scorso in quel di Budapest, anche lì saluti e una foto di rito, se questo serve a diventare amico mi pare esagerato”.

Cosa ti ha provocato essere al centro di un dibattito in cui torna il tema della censura?

“Un senso di stranezza totale, siccome questa provocazione arriva dal Ministero della Cultura mi auguro che la cultura non sia di quel livello altrimenti sarebbe davvero da mettersi in allarme, scambiare uno come me per terrorista che mina la sicurezza della nazione. Ma stiamo scherzando? Le uniche ‘bombe’ che abbia mai utilizzato nella mia vita sono le note impossibili, ma bombe di pace, non di guerra”.

Lei ha il polso del popolo italiano, che ne pensa della politica attuale?

“Qualunque cosa un essere umano, specialmente nella mai posizione, possa esprimere sul fronte politico si apre uno, due o tre fronti di guerra. Preferisco mantenere un sano silenzio per non influenzare niente e nessuno, la verità sappiamo qual è e speriamo che questa gente cominci a capire da ieri che l’Italia ha bisogno di una presenza politica per aiutare questo Paese a crescere come stanno crescendo tutti gli altri Paesi dell’Europa. Meno litigi e spendere più energie a favore del fare e non del dire”.

Prima ha definito Putin come ‘grande Putin’, è per questo che gli Ucraini si arrabbiano.

“Sottolineo che è stato un grande, non mi interessa, io sono un uomo libero e dico quello che penso per averlo vissuto, non perché me l’hanno raccontato. Ricordiamo quello che è successo nella Russia post-comunista che era in ginocchio: Yeltsin prima e Putin dopo hanno risollevato le sorti della Russia e oggi è una nazione rispettatissima nel mondo”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

12 Marzo 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»