Tria: “Mercati incerti, ridurrei il deficit per intesa con Ue”

"C’è una situazione di incertezza dei mercati e bisogna recuperare la fiducia”.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Se si puo’ arrivare ad un accordo con la Commissione Europea, forse e’ preferibile andare verso la riduzione del deficit. C’e’ una situazione di incertezza dei mercati e bisogna recuperare la fiducia”. Lo dice il ministro dell’Economia Giovanni Tria intervenuto ad un convegno di Welfare Italia.

MANOVRA, TRIA: INTESA SUL DEFICIT? SI VEDRÀ QUESTA SERA

Nel vertice di ieri con il premier Giuseppe Conte abbiamo “discusso della manovra in generale”, spiega Tria uscendo dalla Camera parlando ai cronisti. A chi gli chiedeva se sia stata trova un’intesa sul deficit, il ministro dice: “Si vedrà questa sera”.

MANOVRA, TRIA: NON SARÀ RIVOLUZIONATA

“Il lavoro che si sta facendo è vedere in come si possono diminuire le divergenze tra Italia e Ue sul bilancio per evitare la procedura di infrazione. La manovra non sarà rivoluzionata“. 

TRIA: COSTI REDDITO CITTADINANZA E PENSIONI INFERIORI PREVISIONI

“Su reddito di cittadinanza e pensionamento anticipato si sta delineando mano a mano il modo più preciso di queste misure” . L’analisi “e’ in corso, stanno per finire le stime. Credo comunque ci siano gli spazi per vedere che il costo di queste misure potrà essere inferiore a quello preventivato”.

TRIA: SALDI ENTRO OGGI, POI DECISIONE POLITICA

“Penso che entro la giornata si arriverà a determinare quali sono i possibili saldi e si arriverà alla decisione politica”. 

TRIA: QUALCHE MESE PER ATTUAZIONE REDDITO E PENSIONI

Reddito di cittadinanza e pensioni sono misure che “tecnicamente richiederanno qualche mese per essere attuate”. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

11 Dicembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»