Rifiuti a Roma, si è dimessa l’assessore Montanari: “Ama verso il fallimento”

L'assessore all'ambiente si è dimessa dopo che la giunta di Virginia Raggi ha bocciato il bilancio di Ama
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’assessore ai Rifiuti del Comune di Roma, Pinuccia Montanari, si è dimessa dal suo incarico. La decisione è maturata dopo il suo voto contrario alla delibera di indirizzo approvata dalla Giunta capitolina che ha bocciato il bilancio 2017 di Ama.

LEGGI ANCHE: Il Campidoglio boccia il bilancio dell’Ama

RIFIUTI. ROMA, MONTANARI: INGIUSTIFICATO NO BILANCIO, AMA VERSO FALLIMENTO

“Ritengo di fatto del tutto ingiustificata la bocciatura del bilancio che getta un’azienda che dà lavoro a oltre 11mila romani in una situazione di precarietà che prelude a procedure fallimentari. Non è per me più possibile condividere le azioni politiche e amministrative di questa Giunta”. Lo dichiara a ilfattoquotidiano.it l’assessore dimissionaria della Giunta Raggi, Pinuccia Montanari, parlando di Ama.

“Do la solidarietà ai lavoratori dell’azienda e a tutti quelli che si sono sforzati sino ad ora per costruire e non per distruggere. Qualcun altro possa in futuro realizzare il nostro sogno”, conclude l’assessore.

RIFIUTI. PD: RAGGI E M5S VOGLIONO GETTARE ROMA E AMA NEL CAOS

“Non ci sono più alibi. Dopo 3 anni di amministrazione Raggi l’Ama viene affossata, l’assessore Montanari e il cda dell’azienda sfiduciati. Roma è una discarica a cielo aperto non perché non era stato approvato il piano regionale, come i grillini hanno più volte ripetuto, ma semplicemente perché non hanno mai avuto un progetto realistico di gestione del trattamento dei rifiuti e non sono stati capaci di dare indicazioni serie all’azienda che i rifiuti doveva trattare. Non sappiamo cosa faranno assessore e cda nelle prossime ore, di certo l’emergenza che vive la città non si risolve gettando nel caos l’Ama e i suoi lavoratori cui va la nostra solidarietà. Sono peraltro sconcertanti le notizie su presunti condizionamenti e ricatti da parte della sindaca Raggi verso assessori riottosi a prendere una decisione grave come quella odierna. Come in altre questioni delicate dell’amministrazione comunale prevale la sciagurata linea Giampaoletti-Lemmetti. La sindaca dica chiaramente se vuol far fallire l’azienda o avviare un altro concordato. E’ grave la tempistica su come si è arrivati alla decisione di bocciare il bilancio dell’azienda. Un anno di tempo è veramente troppo. Come intenderà la sindaca affrontare i problemi della città? Quale livello di efficienza potrà ottenere da una azienda che vede i propri vertici disconosciuti se non decapitati? Oggi a brindare sono i privati del settore cui l’amministrazione Raggi ha fatto un enorme regalo!”. Così in una nota il gruppo del Pd capitolino.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

8 Febbraio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»