AREA ABBONATI - Accedi ai notiziari

DIRE lazio

Il dg di Atac scrive ai dipendenti: “Inviateci idee e suggerimenti per far ripartire l’azienda”


ROMA – Mentre Atac viaggia nelle acque agitate del concordato preventivo, il dg e presidente Paolo Simioni scrive un messaggio ai lavoratori per rassicurarli sul fatto che l’azienda capitolina dei trasporti “uscirà risanata e rilanciata” da “questo momento particolarmente importante della propria vita”.

Per riuscirci, però, secondo Simioni serve “una generale chiamata al senso di responsabilità da parte di tutti i portatori di interessi, cioè dipendenti, fornitori, organizzazioni sindacali, istituzioni, utenti, azionisti e altri (i cosiddetti stakeholder)”.

Il dg quindi entra nel dettaglio di quello che sta accadendo, ben noto ai lavoratori: “Da qualche settimana, con il supporto delle varie direzioni aziendali nell’ambito della procedura di concordato in essere abbiamo iniziato a disegnare il piano industriale che oggi assume connotati altamente strategici. Questo modo di procedere, però, è quanto solitamente viene fatto dalle aziende: la realtà di una società come Atac e gli obiettivi che abbiamo davanti richiedono uno sforzo in più”.

Perciò, ed è qui la novità, “abbiamo pensato di chiedere a tutti voi un contributo di idee, suggerimenti e proposte da valutare nell’ambito della redazione del piano. A tal fine abbiamo lanciato un progetto denominato ‘Atac riparte con te’ che si sostanzia in un canale di ascolto che rimarrà aperto dal 6 al 13 ottobre attraverso la casella di posta [email protected]“.

Insomma, sette giorni per dire la propria idea all’azienda. Del resto il tempo stringe, entro il 27 ottobre il Tribunale attende una bozza del piano di rilancio dell’azienda.

LEGGI ANCHE Atac, ecco i rischi e i vantaggi del concordato preventivo

06 ottobre 2017

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»

DIRE
facebooktwitteryoutubelinkedIn instagram

DIRE.it – Documenti Informazione REsoconti dal 1988