Giustizia, a Unicusano novità su processo esecutivo e aste telematiche

Lazio

Giustizia, a Unicusano novità su processo esecutivo e aste telematiche

ROMA – “Il processo esecutivo a tutela del credito e le novità sulle aste telematiche”. Questo il titolo del convegno organizzato da Sonia Quaranta, docente della facoltà di Economia dell’Università Niccolò Cusano, presso la sede romana dell’ateneo. “L’Italia- ha spiegato Quaranta- si trova ancora nelle ultime posizioni in Europa per quanto riguarda i tempi e l’efficacia del provvedimento della tutela giurisdizionale del processo esecutivo del credito. Ecco perché, in questi ultimi tempi la finalità del legislatore è stata quella di rendere più efficiente, anche in termini di tempistiche, il processo esecutivo. Abbiamo voluto porre attenzione alle nuove previsioni normative, ma anche alla parte più applicativa delle aste telematiche dove si tende ad ottenere una maggiore partecipazione. E’ una rivoluzione che a macchia di leopardo si sta diffondendo, perciò ci troviamo in una situazione di passaggio”.

Ai saluti del consigliere dell’Ordine dei dottori commercialisti, Claudio Pallotta, sono seguiti gli interventi di Maria Grazia Patrizi, giudice dell’esecuzione presso il Tribunale di Tivoli, e Laura Del Santo, componente Commissione Esecuzione mobiliari e immobiliari Odcec Roma. Si è trattato delle principali caratteristiche del processo esecutivo alla luce delle recenti riforme, ma anche delle ‘best practices‘ dell’osservatorio del Consiglio superiore della magistratura in materia di esecuzioni e delle novità applicative delle aste telematiche.

Le novità in questo ambito sono molte: dall’11 di aprile sono andate a regime definitivamente le aste telematiche legate al processo esecutivo e alle procedure concorsuali. In pratica un sito web ministeriale ad hoc deve raccogliere la pubblicazione dell’avviso di vendita, l’offerta sotto forma di una “busta telematica” e la partecipazione all’asta. I Tribunali pilota sono stati: Varese, Prato, Firenze, Arezzo, Lucca, Pistoia, Bergamo, Ferrara, Reggio Emilia, Trento e Roma. L’evento permetteva ai commercialisti di ottenere 4 creditivi formativi, mentre sono 3 i crediti formativi maturati dagli avvocati presenti in platea.

Leggi anche:

6 luglio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»