Tonfo a Wall Street, il Dow Jones scende del 4,62%

ROMA – Cosa succede a Wall Street? Quello di ieri è il calo più forte della Storia. Non solo. Avrebbe azzerato di già tutti i guadagni del 2018. Succede perché sono state vendute massicciamente delle azioni, innescando una sorta di fuggi-fuggi dal mercato. Il risultato è un abbassamento dell’indice Dow Jones  del 4,62% a 24.345,23 punti, mentre il Nasdaq cede il 3,78% a 6.967,53 punti e lo S&P 50 il 4,11% a 2.648,54 punti. Contemporaneamente, per contraccolpo, crollano anche le borse asiatiche.

Come mai si è innescata questa dinamica? Secondo gli esperti tutto dipende dal buon andamento dell’occupazione negli Stati Uniti e a un aumento dei salari. L’economia va quindi, dicono gli esperti, incontro a una fase di surriscaldamento: questo anche per via della riforma fiscale targata Trump, che taglia le aliquote alle imprese  e promette una nuova spinta all’economia Made in Usa.

I timori, però, non mancano. Uno su tutti: che stia per scoppiare una nuova bolla speculativa.

 

6 Febbraio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»