Lavoratori Almaviva ‘assediano’ il Mise. “Dov’è la politica?”

Procedure di licenziamento aperte in tutta Italia, solo a Roma rischiano il posto 900 persone
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

almaviva_miseROMA – ‘Almaviva non si tocca’. ‘In 3mila a casa. Politici, dove siete?’. Sono centinaia i lavoratori di Almaviva Contact e Gepin Contact che stanno dando vita a un assedio sonoro con fischietti, trombe e megafoni alla sede del ministero dello Sviluppo economico, in una protesta in via Molise – organizzata dalle sigle di categoria di Cgil, Cisl e Uil – contro la procedura di licenziamento di migliaia di dipendenti aperta dall’azienda in tutta Italia: solo a Roma sono a rischio oltre 900 posti di lavoro.

“I lavoratori non hanno nessuna intenzione di farsi scippare il futuro solo perché le istituzioni, i committenti e le aziende appaltatrici si rimpallano le responsabilità anziché prendere velocemente le decisioni necessarie a risolvere la crisi del settore con un freno alle delocalizzazioni, stop alle gare al massimo ribasso e rivisitazione degli incentivi e sgravi“, ha spiegato Fabrizio Micarelli, segretario regionale Slc Cgil.

“In questo drammatico scenario manca ancora un attore primario: il presidente del Consiglio Matteo Renzi, che a oggi non ha pronunciato una sola parola su un settore al tracollo e che impiega oltre 80mila addetti. Non molleremo fino a quando questo settore non verra” messo in sicurezza il settore, dando applicazione alle leggi vigenti”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»