Granarolo promuove l’app Immuni. E Speranza ringrazia

Il ministro della Salute ha inviato un messaggio al colosso bolognese: "Anche un messaggio sulla bottiglia del latte può fare la differenza"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – L’app Immuni entra nelle case degli italiani sui cartoni e sulle bottiglie di latte Granarolo e il ministro della Salute, Roberto Speranza, scrive per ringraziare il colosso bolognese. Sulle confezioni dei prodotti, infatti, compaiono il logo dell’app per il tracciamento dei casi di coronavirus, e un Qr code che consente di scaricare l’applicazione sul cellulare. 

LEGGI ANCHE: Immuni, problemi anche a Bologna: “Ausl non chiede i codici ai cittadini”

SPERANZA: “IL PIÙ PICCOLO MESSAGGIO PUÒ FARE LA DIFFERENZA”

“A tutta Granarolo voglio inviare un ringraziamento particolare per l’iniziativa spontanea, lanciata su larga scala per aiutare le istituzioni nel promuovere l’utilizzo dell’app Immuni”, si legge nel messaggio inviato dal ministro al presidente di Granarolo, Gianpiero Calzolari. “Quanto più se ne diffonderà l’uso, tanto più questa app diventerà uno strumento importante per aiutarci a scoprire se siamo entrati in contatto con un positivo e a prendere le opportune precauzioni interrompendo la diffusione del virus. Anche un messaggio sulla bottiglia del latte può fare la differenza”, sottolinea Speranza. “Nella battaglia al Covid-19 è fondamentale l’apporto che ogni singolo può fornire per spezzare la catena del contagio. Lo fa ciascuno di noi, osservando comportamenti individuali corretti, e lo fa chiunque contribuisce a promuovere abitudini utili”, aggiunge il ministro.

LEGGI ANCHE: Ue, Immuni e le altre app per tracciare i contagi ora connesse

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»